Politica – Le stragi dei ragazzi made in USA e fare il passo più lungo della gamba con gli F-35

Ho scoperto come fare il passo più lungo della gamba: bisogna saltare.

Chiaramente l’Italia produce armi (http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_produttori_d’armi_moderni), se poi si va ad approfondire sono molte le armi d’assalto prodotte da aziende italiane. Ed è proprio la diffusione delle armi d’assalto che provocano le stragi (è una mia opinione e la spiego sotto). Comunque sia l’amministrazione Obama appoggia la riduzione della diffusione di queste armi, o forse ne appoggia la messa al bando. Ma c’è qualcuno che appoggia Obama?

Voglio dire Obama deve affrontare delle resistenze interne di venditori e produttori di armi, ma ci sono anche influenze esterne.

Vediamo cosa succede con gli F-35 (http://it.wikipedia.org/wiki/Lockheed_Martin_F-35_Lightning_II). L’Italia partecipa allo sviluppo e si impegna ad acquistarli, cioè rimette 2 volte. Ma l’intento è quello di guadagnare. Se l’Italia acquista armi dagli Stati Uniti, gli Stati Uniti acquistano armi dall’Italia. Questa non è dietrologia, sono cose che si fanno da quando si frequenta l’asilo, no, neanch’io ho mai  scambiato un M107 per un AK-47: non mi conveniva. Parlo dello scambio, è una cosa del tutto naturale. E la politica non sta lì a parlare di ideologie che lasciano il tempo che trovano per niente. La politica deve favorire l’incremento della ricchezza. Anche l’enclave comunista sostiene che si fa il socialismo della ricchezza, non certo il socialismo della povertà. La politica lo fa perché quello italiano è un popolo di buoni sentimenti e che di pensare allo scambio proprio non gli va, preferisce pensare “italiani brava gente” o roba del genere.

E allora perché non fare qualcosa? Perché non fermare le stragi dei ragazzi americani? Perché non fare quel salto? Perché pensare sempre “io non c’entro”?

Parlo delle proposte e delle discussioni che girano (Pierluigi Bersani: http://www.repubblica.it/politica/2013/01/22/news/no_bersani_f35-51075159/), e quello che vorrei chiedere, al governo in carica ora, al governo Monti, è:

perché non rischiare di fare qualcosa di buono?

È sempre stato facile tirarsi fuori, facile dire è colpa del sistema, è colpa della crisi, è colpa di chissachissaramaichehadecisoquesto. Non penso che sia automatico che passi la legge sull’accessibilità delle armi negli USA solo grazie a questo. Ma è un salto. L’unico modo per fare il passo più lungo della gamba.

Già, mi è rimasto di spiegare perché penso che la diffusione delle armi sia la causa delle stragi. Qualcuno dice che sia colpa dei video giochi. Ma se nella realtà non ci sono supermercati con cesti d’armi certamente una persona (anche un bambino) è condizionato a pensare che la realtà è differente dal video gioco. E se non ci fossero i video giochi, ci sono i film di guerra, i cartoni animati o lo studio della storia umana. Bisognerebbe cancellare tutto.

D’altra parte, analisi fatta (http://mark.reid.name/iem/gun-deaths-vs-gun-ownership.html). I dati sono veritieri e dicono che, a parte situazioni particolari di “quasi guerra civile”, la correlazione tra diffusione di armi e morti è evidente.

all’incremento delle armi corrisponde l’incremento delle morti violente

Pubblicato da

kruks

A Programmer with no comics passions ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*