Olympic Triathlon. Vieste e Gargano. L’orecchiette, il metano, l’autostrada e Tolentino.

Vieste - Faro

È finita. Gironzolo. Sono soddisfatto. Cazzo è finita, l’ho finito! in 2:34, forse quasi 2:35, ma vabbé, meno di 2:48 estrapolate di SBdT. Pezzi di banana, chiedo se posso prenderne, il viso di chi annuisce è un po’ contrariato, c’è gente che deve arrivare e probabilmente ha consumato di più, non prendere l’integratore è stata una mia scelta, ma al momento non ricordo neanche di averlo nel body, sopra il sedere, così ogni tanto mi ripresento e chiedo un pezzo di banana, e una bottiglietta d’acqua.

Tra l’altro vado nel bar della spiaggia e trovo qualche atleta a fare la doccia, io faccio schifo, come gli altri del resto, così la trovo una buona idea, non tiro giù il body, e non avrei niente per cambiarmi, ma l’acqua fredda è spettacolare, e sto veramente fuso. Tolgo i calzini e li intreccio tra i lacci delle scarpe. Lavo via la sabbia e rimetto le scarpe. Fresco come una rosa. Ora dovrei mangiare qualcosa: i pezzi di banana di cui sopra con inclusi sguardi di rimprovero :), ma ho deciso di non badare a cosa pensano gli altri, è una delle considerazioni sulla mia guerra e tutto il resto che accade.

La frazione ciclistica è conclusa da tutti, quindi zona cambio diciamo che si può entrare, chiedo se è custodita, sì, ma senza garanzie, converso un po’, arriviamo alla conclusione che sia meglio portarmi via tutto prendere bici e borsa, arrivare all’auto, tornare in zona, parcheggiare e trovarmi per il pasta party (orecchietta party).

Così faccio, arrivo in albergo. Uso sempre la strada sbagliata lungo mare, ma questa volta è l’occasione per fare una foto al faro, risalendo per poco non cado dalla bici perché sono consumato e poco lucido. Arrivo in albergo, chiedo se mi può aprire il cancello del parcheggio, “certamente. Come è andata?”, faccio su “abbastanza bene” in modo soddisfatto, no, dovevo dire è andata benissimo, e sono molto soddisfatto, penso che poi gli parlerò prima di partire. Metto su la bici, traffico con vestiti, casco, scarpe, calzini, e tutto. Fortunatamente la polo di Cingolani Triathlon è abbastanza lunga e riesco a tirar via il body e infilare il costume ormai asciutto della sera prima: ho voglia di fare un bagno prima di partire. È quasi l’una, vado che ho fame, esco con l’auto dal parchetto e non ho proprio modo di parlare col gestore dell’albergo. Questa volta faccio la strada giusta, e dopo 2 o 300 metri sono sul lungomare Mattei. Parcheggio e, ciabatte ai piedi, arrivo alla pizzeria Paradisea. Menù “atletico”, mezza mela o mezza banana (mah … perché mezza?!?), birra, bruschetta con pomodori, un piatto di orecchiette. Ad occhio sono metà delle calorie consumate in gara. Così appena buttato giù tutto in ordine sparso (tipo una forchettata di orecchiette ed un morso alla mezza mela …), finisco la birra e sento uno stimolo intestinale (è vivo). Mi fa piacere e vorrei esprimermi in tal senso, trovo un bagno (al solito stabilimento), mi ci chiudo, ma sono semplici espressioni sonore con niente di sostanzioso a seguito. Il che è anche normale. Ma allora faccio il bagno. Sta volta appoggio i panni su di un paletto di plastica che divide 2 spiagge, e mi butto. Più o meno come la sera prima. Piacevole. Ma oggi la vista è luminosa, fantastica. Esco, anche perché si dice che fare il bagno dopo mangiato blocchi la digestione, che probabilmente non è ancora iniziata. Giretto e altre foto lungo la spiaggia, doccia, prendo un caffé, vado verso la macchina, e sul marciapiedi rimetto la maglia: dicono che sia immorale girare a torso nudo per strada se non è molto vicino alla spiaggia e possono farti la multa per immoralezza, così non rischio. Alla macchina mi trovo con il costume bagnato e su la polo, che è rimasta sufficientemente lunga, quindi tolgo via il costume e metto le mutande, in piedi, vicino l’auto. Penso che questo non sia immorale perché essere asciutti mentre si guida è di buon auspicio. 14.47 e parto.

Rifornimento metano. Ma è domenica. Chiuso. Dopo il primo immagino lo sia qualsiasi altro in zona. Tiro diritto per Termoli.

Il ritorno è più veloce, vado di fretta. Ho chiamato a casa e deciso di non rimanere perché, infondo, stare a Vieste per fare un giro nel parco con la bici è da fuori di testa. Chiedo al navigatore, ma ha una voce così secca e fa talmente tanti errori di pronuncia che decido di seguire i cartelli stradali con scritto Foggia o (in verde) Pescara-Bari. È la stessa strada all’inverso. E di nuovo foresta umbra. Silenzio. Inspirare, respirare. Ascolto. L’occhio è così incasinato che non sa dove posare lo sguardo, tant’è la bellezza attorno. Finisce che, un po’ affascinato dal quello che è di fronte, l’occhio si perde la vista della vallata sulla sinistra, e di nuovo la collina boscosa. E poi Peschici. Questa volta non c’è la vista spettacolare che m’ha colto di sorpresa all’arrivo. Invece mi ritrovo a sfiorarla nella rotonda. Fuori dalla foresta Umbra, strada dritta verso Lesina. Sempre paesaggio irreali e carichi di colore. Ancora lago di Varano. Questa volta è salita e il motore sforza un po’. Ma tengo una buona media. Strada veloce, leggo Termoli 6 quando sono vicino a lesina, ma parla del casello autostradale, dal quale nel mancano 36. Sono ancora a metano, poco dopo entrato in autostrada passa a benzina. 30km e sono a Termoli, questa volta arrivo subito al distributore, che, non capisco per quale motivo, mette dentro 10 euro di metano, quando da secco ce ne andrebbero 12 credo. Ma va bene. Decido di arrivare a Porto Sant’Elpidio senza fermata a Pineto. E così tiro fino a che posso, quando mi rendo conto che i riflessi non ci sono molto mi fermo, per un gelato e una bottiglia d’acqua. Di nuovo leggermente frizzante. L’acqua che ho preso dal rubinetto dell’hotel non ho un sapore molto invitante. Esco dall’autogril e rientro perché il bagno è all’interno. Calma, concentrazione, e calma. Parto per PSE. Ancora a metano, esco dal casello e sono ancora a metano, il distributore dovrei cercarlo (penso), ma invece è lì a portata di vista, solo che é chiuso. Spengo l’auto affranto. No, a fianco. Che potrebbe essere un errore. In effetti riparte a benzina. Altro distributore, chiuso, altro, chiuso. Ok, vada per i 40km per casa.

Smonto giù tutto, tiro giù la bici, vedo che ho rotto il reggi guaina per il freno, non so come riattaccarlo, penso attack. Spero venga un bel lavoro, è così bella con tutti i colori … ma ci penserò. Cena. Certo, la cena, ma prima un’ordinata a tutto quello che ho portato e riassetto della panda (su i sedili, su il pianale sotto il lunotto). Bici da passeggio e via per la cena. Ricca, molta roba, e dicono che il pranzo era ancora più ricco (ma mentono sicuramente). Fagiolini con le patate sono uno dei miei piatti preferiti, uno dei motivi per cui è bello che esista l’estate.

Mah … così e cosà, una birra dopo cena, e su e giù, e torno a casa. La domenica è finita.

E ci penso giusto il pomeriggio del lunedì, appena pranzo, lungo sul letto: il cuore non mi duole. Anzi è accelerato, sono sui 62, ma sto molto bene. Il pieno di carboidraiti, proteine paesaggi e buona compagnia l’ha rimesso in sesto. E la guerra … la guerra, beh…

Il fatto è che vivi e nessuno ti dice quale direzione prendere, non hai l’organizzazione che ti prepara la zona cambio, ti dice quali sono le regole, ti danno delle penalità se sbagli, fanno i briefing prima di partire, fanno la spunta per validare la partenza. Niente. Non sai perché tutti vanno e pensi che abbiano una qualche ragione, una qualche istruzione da seguire, credi che loro sì che hanno certezze, loro sanno cosa vogliono fare, e quindi sicuramente sbagliano. Non è così ovvio che sono insucuri, almeno quanto te, che prendo la strada che hanno preso perché suppongano sia giusta, ma non hanno affatto la certezza, che alcune sere, soli, non è che non passino dei brutti momenti come li passi tu, non è che siano così sicuri e forti come li immagini. E non capisci, non capisci gli altri, che il loro offrire aiuto non è saccenza ma, piuttosto, mutuo soccorso.

Così scegli di essere contro. Contro è un ottima direzione. Contro non hai dubbi. Contro non hai responsabilità, né personalità o ego da giustificare. Contro è semplice perché non è una tua scelta alla quale sei tenuto a rispondere, è la scelta degli altri, l’opposto, ma è comunque una decisione altrui. Sei innocente e puro. Così continui a combattere. Hai la sensazione che non ci sia nessun nemico. Mulini a vento. Però è così comodo farlo. Arrivi ad una certa età e rimpiangi i tempi passati, non solo per quello che non hai fatto, ma per la guerra, la guerra era facile, ed era essere giovane. E vorresti tener viva la guerra. Attaccare e distruggere i giganti… forse … ora che sei grande, sei lucido, potresti farlo … mulini a vento … e mah … mulini a vento.

Dalla guerra nessuno esce vincitore. L’unica strategia per vincere una guerra e smettere di combatterla. Ma la sensazione è ancora piuttosto strana ed esotica. Devo farci l’abitudine.

Pubblicato da

kruks

A Programmer with no comics passions ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*