Previsione 41: tra 50 anni il commercio sarà una formalità

La butto là alla Casaleggio.

L’informazione è talmente diffusa che è possibile costruire di tutto nel proprio cortile o garage, è possibile produrre macchinari di precisione sempre più elevata con la stampa 3D, sì, non siamo al livello della precisione delle grandi aziende, ma ci si sta arrivando.

In più l’informazione è sempre più libera, sempre meno segreti, sempre più diffusione. Dopo la rivoluzione industriale è stata la rivoluzione dell’informazione, quello che si prevedeva era che il profitto si sarebbe spostato dalla materia alla conoscienza. Ma la conoscienza per sua natura non solo è impalpabile, ma non è contenibile. Nessuna NDA può garantire la tenuta stagna delle conoscienza, ciò che le aziende fanno firmare per tutelarsi è pura formalità, ormai tutti sappiamo tutto o possiamo scoprirlo se ne abbiamo voglia. (Ovviamente non tutto, ma limitatamente ai nostri obiettivi tutto ciò che ci serve)

Così non è stato. Il commercio delle informazioni è minima parte rispetto a quello delle materie e prodotti.

I prodotti non serviranno più una volta che sarà possibile produrli alla bisogna.

Il commercio è morto.

Pubblicato da

kruks

A Programmer with no comics passions ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*