Elbaman73 2016

Quel che non voglio è parlare d’anima.

Quest’anno l’elbaman73, il corto, come l’ha chiamato il mio dirimpettaio all’appartamento dove ho alloggiato, è salito di livello. Ma fortunatamnete sono salito anch’io di livello.

L’organizzazione ha deciso di mettere dentro altri 15 o forse 30 atleti per il 70.3, così ci sono rientrato, anche quest’anno, lo scorso anno mi ha lasciato un ricordo bellissimo. Quest’anno semplicemente favoloso. Tornare a casa distrutti, esausti e doloranti, ma con lo sguardo acceso e sentire gli occhi brillare dei panorami spettacolari, del cielo azzurro, dei fondali verdi, lussureggianti e pieni di vita, è un’esperienza che vale il prezzo del traghetto, della gara, dell’appartamento, della pasta, birra, pizza, birra, gelati, noccioline, birre.

Per il secondo anno per me l’acqua dell’elba è calma, questo rende calmo anche me e faccio una frazione di nuoto molto buona per lo scarso nuotatore che sono, 34’48”. Ho tirato ad ogni bracciata, ho spinto dietro nella maniera migliore, ho cercato di mantenere la postura nel modo migliore, sempre. O almeno ci ho provato. Sono certo che si possa fare di meglio, e proprio questa consapevolezza per me è il passo più grande. L’anno scorso 38′.

Nel 2013, l’inferno in terra: mare mosso, ho preso la direzione del molo e mi stavo perdendo, sono uscito prima dell’ora posta come tempo massimo, ed al secondo giro di bici sembrava che il mare si fosse trasferito sulla terra, un diluvio che non permetteva nemmeno di tenere i 30 km/h in discesa, pedalare con le ruote sommerse da 20 cm di acqua per me era qualcosa di inedito. Era il mio primo anno da triathleta, il mio primo half-iron. Va da se che ho evitato di iscrivermi per il 2014!

Ma torniamo al 2016, torniamo a domenica scorsa. Non penso, non parlo, mi concentro nel togliere la muta, fortunatamente qualcuno non si è presentato ed ho un po’ di spazio vicino la bici per sfilare la muta. E questo è culo, direi. Non va al meglio, mi intreccio, ma la tolgo alla fine. E questo è sculo. Asciugo e pulisco i piedi, ho fatto bene a portarmi la straccetta. Metto i calzini, mi asciugo la faccia (con la stessa straccetta! ho pensato forse era meglio il contrario) metto occhiali, casco, vado? Ovvio! Salire dopo la bici. Ok. … No! il pettorale è sul manubrio, me ne accorgo, provo a sgangiarlo al volo, poi … devo fermarmi, alla svelta, accosto vicino alla transenna sgancio, metto il pettorale e via. Nessuna ammonizione, c’è gente, non se ne sono accorti. Questo è culo.

Dunque. Ricordo che dovrei tirare tutta fino alla prima salitella, ma le gambe non vanno così forti come l’anno scorso. Perché? Tutti vanno più forti di me. Lo scorso anno erano tutti spaventati e si rispiarmavano, l’hanno capita. Dannazione. Ma io, le mie gambe, non vanno. Non riesco a farle girare come dovrei, come vorrei, non ho buone sensazioni. Troppo agile, o troppo poco, non è la cadenza giusta, lo razionalizzo adesso. Fatico. So di essere un passista, non uno scalatore, appena sbucato fuori devo sfruttarla la discesa il più possibile. Forse mi spaventano troppo le curve, ma su questo ingrano abbastanza velocemente, il probleme è l’asfalto, e il traffico. La salita “dura” è quella per Marciana. Non ricordavo, poi discesa tecnica, un piccolo strappo dopo Marina di Marciana, e giù di passo fino a Procchio. Questo tratto lo posso sfruttare alla grande, il passo ce l’ho e mi lascio dietro un bel po’ di gente, le curve sono semplici, le avevo fatte in auto il giorno prima, tutto coperto e ombreggiato. Da Procchio c’è uno strappo di meno di un km, poi si scende di nuovo verso Marina di Campo per il secondo giro. Salita malino. Discesa ho fatto il possibile, ma è capitato di trovare un mezzo d’opera, una asfaltatrice che m’ha un po’ rallentato (ma non è domenica???), 20″, forse, non importa. Per il secondo giro ho poca gente dietro, ma mi riprendono, lo so. Anzi, li aspetto quasi. Sbagliato. Dovevo tirare, la prima salita si tira!!! Traffico, poi devo alimentarmi: gel. Finisco il secondo giro col tempo totale di 3h20′, dopo aver fatto il primo in 1h38′, avrei dovuto essere lì 4′ prima. Ma comunque meglio dello scorso anno.

Ho i calzini a compressione, non vanno per la corsa, il gel non ho preso dopo il nuoto, ne ho 2. Uno lo prendo subito, è molto liquido e va bene anche senz’acqua, l’altro nel taschino del body gara.

Piscio dopo il primo chilometro e mezzo di corsa. Perdo pochissimo tempo e sono già in strada, acqua (2), e spugna in testa. Sembra che vada bene, è al secondo passaggio che inizio a sentire l’esaurimento. Tengo un ritmo più lento, ma mantengo la concentrazione per la corsa. Bevo sempre, aggiungo cocacola ogni 2 stazioni, e acqua, e spugna in testa. Sempre. Fortunatamente non è un caldo eccessivo, ma c’è sole che asciuga. Al terzo passaggio è chiaro che non ho energie e dovo prendermi il gel, vorrei mollare sono passate 5h08′, lo leggo nel display passandoci avanti. Faccio i conti di quanto potrei mollare per stare sulle 5h51′, che è il tempo che mi sono prefissato. Troppo complicato, se mollo poi non so che casino combino. Ho il gel, devo prenderlo, tutto a questo punto. Prima del beveraggio, 30mt prima, e quasi mi fermo per buttar giù l’acqua. Il gel arde, è solido e la botta di insulina mi rallenta un bel po’. Valuto che se anche tenessi 6′ a km posso comunque starci, 6×7=42, sì, 5h50′, va bene, ma devo tenerlo. Ho bisogno di altra acqua. Guardo il garmin, risalgo a 5’20”: ho fiducia nel farcela. “Acqua e Cocacola”. Spugna. Passeggio per 10mt, ma riprendo il ritmo subito. Qualsiasi mezzo per togliere anche 20cm va bene, e bere mentre cammino è ok. Ci sono. Riprendo il ritmo, di nuovo sui 5′ a km, mi basta.

Stoppo il garmin, sorrido, mi giro ed il tempo 5h44′ è molto buonissimo! Correvano tutti quest’anno. Mi chiede la ragazza se voglio l’acqua. Ah, già, l’acqua. Ora sembra che ho tutto, mi basta averla finita, forse dovrei aver fame e sete, ma sto veramente bene, ho corso l’ultimo km a 4’20” e in progressione, dovevo sciogliere, avevo le gambe impallate a forza di reggere il passo.

Figa, Elbaman73, figa. (come direbbe un milanese)

64°. E avevo detto ad Alberto che se fossi stato tra i primi 80, allora avrei fatto un ironman l’anno prossimo, “forse” avevo aggiunto. Spero che il forse mi salvi dalle mie parole.

Preparare un iron non è cosa da poco. Sto cambiando città, casa, abitudini. E forse preferisco le emozioni brevi ed intense, ma ecco, superare le crisi è qualcosa di affascinante. Vedremo. Mi godo una settimana di quasi-nullafacenza. Ho una maratona da preparare, devo imparare a correre!

Pubblicato da

kruks

A Programmer with no comics passions ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*