E della majonese ricordo le uova

E della alimentazione ricordo cose.

In Germania mi stupisce dei tedeschi il loro mangiare senza pane. Sono un italiano, è evidente.

Di Würsteln ce ne sono di tutti i tipi, e anche questa è una cosa da notarsi: la totale fiducia nel prossimo.

Sostanzialmente macinano la carne e la insaccano in piccole porzioni, e tutto questo va benissimo perché è pratico. E non è una moda degli anni consumistici. Ogni città ha la sua ricetta per le salsicce, non tutte le città effettivamente, ma spesso una ricetta prende il nome di una città tedesca (o austriaca, ok, il Wienwurst, per esempio).

Succede anche in grandi porzioni: uno stufato di carne mista macinata e poi affettata per essere messa nel mezzo di un panino viene offerta a 2 euro tutti i martedì dal supermercato Edeka.

Il pane, sì, per i pasti veloci è usato, ma un po’ un’americanata. Se hai un minimo di classe mangi la carne, e basta. E mangi poco. Casomai metti un contorno. Fine.

E sulla majonese. Ovviamente, è bandita dalla carne, sei strano se la chiedi ed è difficile che per strada abbiano il dispenser anche per quella. Ma di gente strana ce n’è, come il mio collega Sebastian, di origini russe (la usa come scusa per giustificarsi nel mettere la majonese, è tedesco in realtà).

E sui tedeschi di Ucraina, ovvero tedeschi della Bessarabia, ricordo questa cosa che cosomai qualcuno l’avesse letta nei libri di storia, spesso è sfuggita. Essi emigrarono dalla Germania durante il 1800, dal sudovest e dal nordest della Germania principalmente, e nella regione tra Ucraina, Romania e Moldavia si stabilirono come coltivatori.

Per una qualche ragione tornarono durante il Terzo Reich, 1940, forse perché quella regione fu invasa.

La Prussia, cioè la regione nord-orientale della Germania, corrisponde oggi per gran parte alla Polonia, che al tempo della seconda guerra era un territorio molto più piccolo. Sostanzialmente per aver perso la guerra, la Germania non fu divisa in 2, bensì in 3 parti, e una di queste parti appunto è l’ovest e il nord della Polonia (Prussia orientale).

E sulla Polonia ho questa cosa che mi viene in mente, cioè la lingua. Se il tedesco è complicato perché ci sono le declinazioni negli articoli dei sostantivi in base all’uso (nominativo, accusativo, dativo e genitivo), in polacco queste declinazioni sono anche nei sostantivi stessi, che variano le desinenze in base all’uso che ne viene fatto. Ci sono casi in cui questo fenomeno accade anche in tedesco, ma sono meno frequenti e piuttosto circoscritti (al genitivo sostanzialmente). Se apro wikipedia trovo che il polacco ha 7 casi: nominativo, genitivo, dativo, accusativo, strumentale, locativo e vocativo. Strumentale e locativo corrispondono al latino ablativo (come se poi questa cosa dovrebbe informarmi meglio … non conosco il latino, mai stato in lato)

E questo è tutto quello che posso dire riguardo la majonese e i tedeschi della Bessarabia.

Ma a proposito del ketchup, non sapendo nulla della sua storia, posso ben dire che è l’alimento più pericoloso del mondo, contiene più del 20% di zuccheri raffinati, ed veramente sconveniente questo pastruglio appiccicoso mieloso e acido.

E sulla senape il mio indirizzo è verso quella forte, che ti spacca il naso e ti apre in due o tre, a seconda delle fratture già presenti. Seppure sarebbe da preferire la dolce per il Weisswurst, e la forte per il Rindwurst perché ha un sapore più forte.

Il Rindwurst è spesso speziato, credo sia un’esigenza nata per soffocare il forte odore di bestiame della carne. È una cosa che lo rende particolarmente in sintonia con i gusti dei turchi, e anche con i miei. A volte bisogna essere daccordo sul mangiare. E del resto neanche il kebab non è così male.

E le bollicine, che sia birra, possono accompagnare solo.

Buon 20 Agosto a tutti.

 

ref.
https://it.wikipedia.org/wiki/Tedeschi_della_Bessarabia
https://de.wikipedia.org/wiki/Bessarabiendeutsche la versione tedesca è più completa, ma è in tedesco!
https://it.wikipedia.org/wiki/Minoranze_di_lingua_tedesca
https://it.wikipedia.org/wiki/Lingua_polacca
http://slideplayer.it/slide/9433093/ (come cambiano i confini polacchi)

Pubblicato da

kruks

A Programmer with no comics passions ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*