Non amo la mia bolla

Prendo spunto da un twit di Francesca Archibugi per dire che no, non amo affatto la mia bolla.

Mi ritrovo su facebook i post di sovranisti e fan di Salvini, tutto ciò solo perché non mi rifiuto di guardare alla realtà.

In questi anni strani, gli anni del boom dei social ho passato il tempo nel mondo virtuale accompagnato da una sensazione di disagio a cui non riuscivo a dare forma.

All’inizio le cose erano più semplici, gli idioti non erano in internet, e si poteva discutere liberamente senza dover per forza finire nel calderone degli “ignorati perché idioti”.

Poi la gente scopre facebook, sono contento, penso che comunque sia un modo di accorgersi che esiste internet e di quante informazioni sono disponibili, e quanto è facile imparare cose, eccetera.

Invece no. Il grosso degli utenti facebook rimane su facebook, condivide qualche link, non si cura troppo di andare a leggere cosa c’è scritto dentro, scrive idiozie, e si crogiola nella propria ignoranza.

Stessa cosa vale per twitter, per instagram, o per youtube, che tra loro comunicano, ma sempre nelle rispettive bolle, sempre i soliti contatti.

Ma non è questo che mi preoccupa. Quello che mi infastidisce è l’essere in una bolla di cui non condivido nulla.

Penso che la cosa iniziò ad essere evidente quando litigai con Galatea Vaglio riguardo alla questione immigrazione, lavoro, ROI, e numeri.

Alla fine lei disse che non conoscevo la sintassi, che ero un tecnico e che non capivo cosa fosse il ROI. Un po’ contraddittoria, ma a lei stava bene così.

La cosa fastidiosa è che avevo seguito Galatea e il suo blog dai tempi di FriendsFeed, eppure non riuscivo ad esprimere una cosa piuttosto semplice, che parlava di numeri, e di ROI.

Perché non posso ignorare la realtà: la mia stupida esperienza

Era il 2005 quando iniziai a lavorare per Wind S.p.a., ufficio di Pisa, per un mese. Ero, e sono, un tipo poco espansivo, sicuramente non sapevo difendermi e non riuscivo a mostrare quello che valevo. Non ci riesco neppure oggi, credo. C’erano degli errori nel codice consegnato, alcune parti non erano terminate, non avevo comunicato questa cosa. Venni pagato il mese e mezzo in cui lavorai. Poi fine. Del resto era un lavoro di merda, l’occasione in cui mi accorsi che lavorare per una grande azienda infondo è solo fare chiacchiere e spostare tag html.

Ero a Pisa ed avevo bisogno di soldi. Né parlo con un amico che si arrangia in qualche modo, mi dice che c’è una ditta di Lucca che fa “service”, facchinaggio per lo più, e però è un modo per vedersi i concerti gratis, o almeno per ascoltarli. Sono dalle 5 alle 7 euro l’ora, dipende dal lavoro/occasione. E allora va benissimo.

Sono lavori scemi, ma forse non molto più scemi dello spostare tag html. Per lo più si portano casse, si sollevano casse, si aiuta a sistemare casse nei container, si passano le luci allo staff che le piazza per lo spettacolo, e via dicendo. Mi è capitato di lavorare anche per un supermercato che doveva spostare una scaffalatura perché doveva rivedere il posizionamento. Mi ricordo di un concerto dei Jethro Tull per il quale lavorai 12 ore, pause escluse, e me lo ricordo per 2 motivi: ovviamente i Jethro Tull, il secondo è quella strana sensazione di soddisfazione nel vedere la riuscita dello spettacolo, che per quei 2 centesimi era dovuta anche a me, i palloni, le luci, la scena: lo spettacolo.

In mezzo a quella gentaglia che faceva service si parlava, senza conoscersi, del più e del meno, “che hai fatto questa estate?”, “a settembre c’è la raccolta delle mele”, “fra un po’ c’è l’uva”, e così via. Ragazzi, 20-25 anni, che facevano i lavori che ai telegiornali “gli italiani non vogliono più fare“, eppure li facevano loro.

Certo ai concerti c’erano anche stranieri, mi ricordo che ce ne erano 2 bravissimi (decantati così) che erano fissi per i Subsonica, ed erano rumeni: si arrampicavano per tutto il traliccio ed iniziavano portar via i pezzi dalla cima. (dei Subsonica e del loro staff mi ha stupito l’enorme professionalità e rapidità con la quale facevano i loro lavoro, non credo che ce ne siano altri paragonabili). Ma mi ricordo di 2 rumeni, gli altri erano italiani.

Effettivamente prima di scrivere questo non avevo realizzato che né telegiornali, né giornali abbiano mai avuto coscienza di questa realtà.

Cioè, probabilmente tutti pensano che le mele prima che arrivassero i migranti si cogliessero da sole, che i pomodori si incassettassero spontaneamente, che le arance finissero nei camion per loro spirito di iniziativa.

E invece no. Ci sono stati sempre dei poveri sfruttati, o semplicemente studenti che tiravano a campare. E non erano migranti, a volte erano del sud, a volte no.

Insomma questa cosa esiste. Esiste il lavoro, che piaccia o meno ad una Francesca Archibugi o ad una Vaglio Galateo, esso esiste, e tutto sommato non è neppure così male.

Non sai cosa è il ROI

Nel 2015 la discussione fu riguardo al ritorno nell’invistimento sull’accoglienza. Ero ospite di un post di Galatea Vaglio, ben supportata da sindacalisti e gente del settore (dell’accoglienza o limotrofe).

La mia tesi era, ed è, che distogliendo personale dal sistema produttivo per impiegarle nell’assistenza si avessero 2 perdite:

  • 1. il sistema economico perde produttività, cioè la bilancia commerciale con l’estero va in svantaggio, e la società, tutta, ha meno ricchezze.
  • 2. le persone che si occupano di assistenza hanno bisogno di risorse economiche e di ricchezza, che vengono sottratte alla solita bilancia commerciale
  • 2,5. (bonus) le professionalità sviluppate nell’ambito dell’assistenza non sono spendibili altrove

Accoglienza o assistenza?

Qui è dove spiego perché ho corretto accoglienza sostituendolo con assistenza. Semplice: perché la parola più corretta.

L’accoglienza la fa una struttura ricettiva, come può essere un albergo, dietro un compenso in denaro.

L’assistenza la fa un operatore sanitario, dietro un compenso statale nell’ottica di garantire la salute e le pari opportunità.

Riguardo ai migranti non penso proprio si possa parlare di accoglienza, visto che spesso non hanno soldi.

Si fa assistenza, come è giusto che sia. Sono una classe disagiata, e su questo non possiamo girarci la frittata come fa più comodo ogni volta in cui nel discorso ci fila meglio.

Torniamo al ROI?

Continuando il discorso, secondo le tesi degli operatori del settore, si avrebbe un ritorno nell’investimento maggiore delle risorse immesse.

Con i numeri proposti potrei anche concordare, ma manca una parte del quadro di cui non viene tenuto conto, e quella parte pesa molto nella “I” del ROI.

L’Invistimento è sia in termini economici, sia in termini professionalizzanti, o meglio de-professionalizzanti.

Oggi è sabato e non sto lavorando, almeno non mentre sto scrivendo questo, ma so benissimo che non posso stare 6 mesi senza lavorare sperando di poter riprendere agilmente il mio lavoro. Dopo 6 mesi sono cambiate un bel po’ di cose, le tecnologie avanzano e quello che sapevo vale solo come forma mentis. Insomma: dovrei faticare un bel po’ per riprendere i ritmo dopo 6 mesi di stop.

Numeri espliciti e numeri impliciti.

Parlare di cifre spese e cifre incassate copre un aspetto importante: la qualità delle cifre. Quanto viene pagato chi lavora nell’accoglienza?

Non potete dirmi che “a lui va bene così” se non riesce ad ottenere uno stipendio dignitoso e sufficiente, evidentemente deve arrotondare in qualche maniera, oppure farsi aiutare. E questi sono costi nascosti.

Crescita demografica

Ed anche su questo argomento non riesco a trovare la bolla giusta dove andarmi ad inserire. Ovvio che se vogliamo che le pensioni vengano pagate ci deve essere un certo numero di persone in età lavorativa che producano reddito. Ovvio? No.

I soldi sono stampati da uno stato o da una banca centrale per quello stato, nazionale o sovranazionale poco importa. I soldi vengono stampati e distributi per alimentare il sistema produttivo. Ci sono principalmente due vettori tramite i quali i soldi vengono immessi nel mercato: il settore pubblico e il settore privato. Quello pubblico tramite lavori per il sistema statale, cioè direttamente gli stipendi. Il vettore privato alimenta il sistema monetario tramite prestiti richiesti alle banche private.

Una attività privata (un’azienda) produce un valore aggiunto rispetto al denaro ricevuto in prestito, grazie al quale riesce a pagare gli interessi su quel denaro e ad avere delle entrate che gli permettano di vivere e prosperare. Ma questo implica che i soldi provengono da qualche parte, ossia dal settore pubblico.

In definitiva il settore pubblico è l’unico mezzo di alimentazione del sistema monetario. Se non ci fossero i soldi pubblici e lavori pubblici, i soldi non esisterebbero affatto.

Perché parlare dunque di soldi e di pensioni? Perché complicarsi la vita con inflazione, valore reale, rivalutazione, e allineamenti periodici?

È più semplice parlare di risorse: risorse agricole, risorse industriali, risorse conoscitive.

Posto che il cervello consuma un bel po’ di energie va detto che tale resta il consumo sia che venga utilizzato al meglio, sia che venga lasciato poltrire a ripetere soliti gesti e ragionamenti.

Quello che mi interessa sono le risorse alimentari, cioè agricole e industriali di trasformazione alimentare, perché per vivere bisogna mangiare, non avere soldi, pensioni, rivalutazioni periodiche e via dicendo.

Semplificando quindi il discorso, è ovvio che una opportuna superfice di terreno è capace di produrre una certa quantità di alimenti.

Meno ovvio forse è la variazione delle abitudini alimentari del nostro e altri Paesi, che siamo e sono diventati via via più esigenti. Il consumo di carne in Italia è di 78 kg a testa contro i 27 degli anni ’60. Eravamo 55 milioni negli anni ’60. Quanti siamo oggi? qualcuno in più, ma sposta poco.

Quello che influisce molto, e pesano, sono le abitudini, nostre e dei nostri cugini cinesi.

Ok, non ho un cugino cinese, e forse neppure il nipote di Matteo Ricci o di Marco Polo ce li ha mai avuti, ma ormai sono dei nostri, cioè hanno abitudini occidentali, e mangiano magliale, vitello, pollo. Nel senso che anche i cinesi hanno aumentato il loro consumo di carne.

Tutti a parlare di geopolitica e dimenticarsi che le primavere arabe sono esplose per una crisi alimentare: era il prezzo del grano ad essere non sostenibile, è per quello che il popolo è sceso in piazza. Fame.

È la fame che muove i popoli, non le questioni di principio, non la mancanza di libertà. Il popolo se ne fotte della libertà se ha da mangiare.

Anzi, a ben vedere il popolo rifugge la libertà non appena gli si propone la sicurezza di poter continuare a mangiare. La libertà è un impegno, e non da poco. Bisogna esercitarla e bisogna ripassarla tutti i giorni.

E perché vi girate dall’altra parte quando si dice che la nostra ricchezza è basata sulla produzione agricola dei Paesi del terzo mondo? Perché invece di parlare dei motivi che hanno causato la rivolta egiziana (NOI, LE NOSTRE POLITICHE ASSISTENZIALI PER L’AGRICOLTURA, GLI AIUTI EUROPEI PER LO SVILUPPPO), parlate del dittatore Mubarak?

È facile dire che gli egiziani sono degli idioti per aver accettato Mubarak per tutti quegli anni, facile come chiudere gli occhi e fingere di non sapere che Mubarak ce lo abbiamo voluto noi in Egitto, noi, gli inglesi, i francesi, gli americani.

Se non abbiamo foraggio non possiamo dar da mangiare ai vitelli e se i vitelli non mangiano, niente bistecca.

Se Bolsonaro non distrugge mezza foresta amazonica i cinesi non mangiano hamburger, e neppure bistecche.

Non esistono problemi di soldi. ESISTONO PROBLEMI DI CIBO.

E anche basta con questa storia della CO2 emessa dai veicoli o dal riscaldamento domestico. È nulla rispetto ai gas serra emessi per la coltivazione e l’allevamento.

È la stessa cosa per la quale mi incazzo al lavoro: non stare a guardare il risparmio di una variabile in un ciclo quando puoi rivedere il processo interamente e portare l’algoritmo da O(n^2) a O(n), e anzi, spesso puoi evitare proprio di fare quelle operazioni.

Non parlo di una bomba che cancelli 9 decimi dell’umanità (presa a caso eh) cosicché possiamo permetterci di sopravvivere come razza.

Parlo di direzione, di visione futura, e di consapevolezza: questa sconosciuta.

Trovo idiota qualsiasi iniziativa pensata a favorire la demografia. Idiota e suicida.

Dovremmo convivere con l’idea di una progressiva decrescita demografica invece.

Al posto di “non si fanno più figli, che tristezza il natale senza bambini”, potremmo sostituirlo con qualche rito orgiastico con contraccettivo (che orrore, il demonio, padre Amorth, e altra bolla).

Ci si lamenta del generale rincitrullimento e di come a 40 anni si passa il tempo di fronte alla playstation. E abbiamo bisogno di bambini che ci ricordino che non siamo cambiati affatto?

Potremmo evolverci in una consapevolezza più grande, che porti con se le responsabilità, ma anche l’appagamento della conoscenza.

Oppure scegliere di continuare a percorrere la stessa strada dettata dalla paura di sparire domattina, votandoci così all’autodistruzione.

Sceglieremo l’autodistruzione. Ne sono certo. È più romantico.

(ah Malthus? “è morto prima lui”, e questo sarebbe un argomento?)

Nazionalismo sì, nazionalismo no.

Volevo scrivere “prima gli italiani”, così qualcuno si incazza ed altri si eccitano. Lavoro per una ditta tedesca, per la concorrenza insomma.

Questo per dire che mi è capitato di andare in Germania e conoscere tedeschi, che poi sono alcuni miei colleghi, e amici di miei colleghi.

Cosa pensano dell’Italia? Seriamente, è questo che qualcuno mi ha chiesto qui sapendo che ogni tanto vado in Germania. Dell’Italia non lo so, di me pensano che sia un bravo programmatore, altrimenti non mi pagherebbero. Però parlando col padre di un mio ex collega l’ho sentito elogiare la Fiat per il Ducato. Ripeto. Un tedesco di 80 anni, figlio di tedeschi, elogiare il Ducato della Fiat: il motore, la solidità, è un gioiello.

Seconda annotazione sull’Italia: “fa caldo”. (mi ricorda un po’ la guida galattica, pianeta terra: “sostanzialmente innocuo”).

Ma sono orgogliosi del loro essere tedeschi. Hanno passato molti anni a guardarsi il ventre e cercare di elaborare il lutto e gli errori fatti nel passato, sono molto attenti alla cultura, e leggono molto. E sono orgogliosi di essere tedeschi.

Cioè non è che pensano che gli italiani siano peggio, è solo che pensano i tedeschi siano il popolo migliore del mondo. Non lo vogliono sottomettere il mondo, anzi lo vogliono conoscere. Ma non per questo smettono di pensare di essere i migliori.

L’economia, gli affari, i soldi: un gioco. E tifano Germania.

Cosa tifi tu?

Voglio dire, puoi assistere un migrante proveniente dalla Nigeria, perché si trova in un momento di difficoltà, ed è tutto assolutamente giusto.

Ma puoi continuare ad essere orgoglioso dell’Italia.

Nella fattispecie, se da fuori della tua bolla qualcuno di dice che stai buttando il tempo dietro ai migranti, e questo qualcuno è un italiano, potresti anche accogliere l’istanza come un momento di riflessione: c’è dell’altro.

Cioè non stai salvando il mondo, il mondo va avanti da sé. Non va dimenticato il gioco, che può partire anche dall’assistere, ma deve sfociare in qualcosa d’altro, altrimenti il ROI è in perdita.

Problemi nell’accoglienza

Dunque cerco: “SPAR”, “SPRAR”, “CAS” e non ci capisco ‘ncaz. Quanto tempo sostano? Si dice che le procure debbano controllare e vigilare sull’operato di queste aziende/cooperative/sxx, ma come?

È definito un livello minimo di servizio? sono definite delle metriche?

Le metriche, sì, sono dei voti.

In Germania i migranti richiedenti asilo vengono messi in un programma di integrazione, chi è in età scolare viene inserito nelle classi scolastiche e riceve un’istruzione. Se la domanda di asilo viene accolta allora l’istruzione continua e vengono inseriti nel sistema produttivo (in Germania tutto è molto inquadrato e assistito). Nel caso in cui domanda venga rifiutata viene rimpatriato (se viene rifiutata il Paese di provenienza tipicamente ha un governo stabile e garantisce un certo grado accettabile di libertà, quindi il rimpatrio è fattibile). Questo modo di fare è poco ragionevole per molti tedeschi: i ragazzi ricevono un’istruzione, crescono con amici tedeschi, sono praticamente inseriti, e poi devono andarsene.

Qual è la situazione in Italia? vengono inseriti nel sistema educativo, se gli dice bene hanno dei buoni professori, nelle scuole di periferia sei un poco di buono a prescindere, è una specie di integrazione tra emarginati, e tutto va ad alimentare le problematiche preesistenti tipiche delle preriferie. Se la domanda di asilo … la domanda? quale domanda? forse fra 10 anni troveremmo i capi di questa storia, quindi sei italiano dopo i 18 anni.

I problemi dell’Italia sono che non c’è niente di chiaro, e non è perché gli immigrati non parlino italiano (se è per quello non lo parliamo neppure noi) il problema è che qui tutto cambia.

E se parliamo di identità nazionale, mi trovo molto a mio agio in questa situazione, siamo un amalgama di nulla (o di tanto) mischiato assieme, e poco conta se vieni da Milano, da Tirana, da Catania, da Algeri, da Lagos o da Katmandu, se non ci capisci un cazzo sei un po’ di Parma anche tu.

Ma voglio sentirmi libero di non darti i miei spicci se sei fuori dal supermercato a “fare giornata“, voglio sentirmi libero di dire che se vendi senza licenza e arriva la finanza o un vigile e ti fa la multa te lo meriti per almeno uno dei 2 motivi:

  1. o non sei stato abbastanza furbo da non farti beccare
  2. te lo meriti perché stai facendo concorrenza sleale a chi ha una licenza regolare

Se poi arrestano un clandestino per un qualche reato (che non sia la clandestinità stessa: lo stato in cui si trova qualcuno che non ha una richiesta d’asilo pendente e non ha il permesso in regola), spesso viene rilasciato dopo poco oppure gli viene dato un “foglio di via”, cioè il divieto di dimora. Questo è dovuto a mancanza di posto nelle carceri, ed a una inefficienza del sistema giudiziario. Non mi aspetto molto, ma sei stronzo, dopo 1, 2, 3 fogli di via dovresti accorgertene tu. E non ho nessuno slancio di compatimento verso di te.

Mi ricordo di un siciliano che lavorava nei facchinaggio e non aveva voglia di fare niente. Chiacchierava in continuazione di quanto fosse dura la vita e il lavoro, ma non faceva niente. Io dopo 12 ore di lavoro (e 20 ore di veglia) non ne potevo più ma spingevo la cassa per farla entrare nel camion, lui doveva dargli la direzione per arrivare alla rampa con le rotelle, invece ci si appoggiava, e diceva “eh dai, stai attento! deve andare là”. E invece diedi la spinta proprio nella direzione opposta, per poco non gli rompo un piede. Mi è dispiaciuto, non averglielo rotto quel piede. Comunque non disse nulla, andò ad “aiutare” qualcun’altro.

Non voglio rompere piedi, ma solo far notare che piedi, braccia e cervello ce li hai, e se sei lo stesso che sta lì, dopo 6 mesi prova a pensare che qualcosa devi cambiarla in te, non nell’Italia.

Sono straconvinto che questo Paese non cambierà mai, riguardo l’inefficienza e la mancanza di certezze. Sono però convinto che almeno ora c’è consapevolezza, molta più di quanta ce ne fosse negli anni ’60.

Quello che vedi è solo una parte

  • Se tu non hai fame, non vuol dire che nel mondo nessuno abbia fame, e neppure che nessuno debba averne
  • Se tu non fai un lavoro usurante, non vuol dire che nessun ne fa
  • Se non ti è mai capitato di essere in difficoltà, o in qualche maniera te la sei cavata, non vuol dire che sia per tutti così facile
  • Se dietro la tua villa c’è tanto spazio incolto dove poter piantare patate, non vuol dire che la cosa sia conveniente o abbia una qualche influenza sui grandi numeri
  • Se conosci una persona tanto brava che 10 anni fa spacciava, non vuol dire che lo fosse anche 10 anni fa.
  • Se pensi che la droga sia un problema, non vuol dire che non ci sia gente che riesce a trovarla con facilità

Il problema della bolla è che limita la visione al di fuori di essa, e lo fa con un meccanismo perverso: ciò che è fuori dai tuoi assunti viene ignorato e minimizzato, quello che invece rafforza le tue convinzioni viene sottolineato, memorizzato, analizzato, riportato, rielaborato, condiviso e riaffermato allo sfinimento.

Ovviamente penserai di essere un libero pensatore, di leggere molto, eccetera. Come tutti del resto. E nella tua cerchia sono tutti d’accordo, è evidente che fuori da questa cerchia c’è del marcio, o degli idioti totali. Come gli egiziani che si sono tenuti Mubarak, per intenderci.

O come i tedeschi che si sono tenuti la Merkel. O come gli italiani che si sono tenuti Berlusconi, o che si sono tenuti Prodi, che oggi stanno con Salvini.

C’entrano qualcosa i Social Network? spero che siano utili per uscire dalle bolle, e penso che siano uno strumento di conoscenza, più che diabolico.

Concludo …

… dicendo che questo scritto è tutto disordinato e sconquassato, e non si capisce bene dove vada a parare (*), eppure l’averlo messo giù mi torna utile a chiarire il fastidio del disagio nel relazionarmi con dei micromondi tutti a loro modo alienati dal mondo ma coesi, io che sono alienato di mio e neppure troppo convinto di quello che penso da solo, tutt’altro che d’accordo con qualsiasi altra opinione di massa, micromassa o macromassa che sia.

Forse sono troppo fluido per questo mondo.

E preciso che quale che sia la tua opione, se per sbaglio ti trovi a leggere questo fino in fondo, non me ne frega niente.

Nel senso che non cerco complici nelle mie convinzioni, voglio rimanere fluido. Al più accetterei confluenze, punti di contatto, ma sempre minimi.

Domani penserò tutt’altro, e non avrò tradito nessuno.

(*) negli algoritmi di ricerca dell’ottimo, quando si è trovata una soluzione apparentemente ottima, per scongiurare il fatto che non sia in realtà un ottimo locale, ovvero che tutto attorno la situazione peggiora, si effettua una operazione di disturbo che faccia saltar fuori dalla conca nella quale l’algoritmo si sta adagiando. Morale: mischiare tutto e fare casino a volte ha senso.

… anzi, lascio concludere il grande Alberto Sordi

Tua sorella in carozzella – (ma io soffro)

“Tua sorella in carozzella”

Senza motivo, mi viene in mente questa battuta, orribile, detta solitamente senza capirne il senso.

Lo spunto è (ho letto appena un paio di libri e già mi torna la voglia di scrivere?? mah), i falsi invalidi.

Mi viene da pensare a chi benedice l’invalidità riconosciuta per avere dei soldi da parte dello stato, e a chi potrebbe invidiare l’invalidità di altri perché ci sono delle leggi che garantiscono l’inclusione dei portatori di handicap.

Più o meno 7 anni fa uscivo da un disagio mentale ed ero in cura farmacologica, per il lavoro che faccio questo mi causava dei rallentamenti cognitivi piuttosto evidenti, tanto che pensavo (e un po’ lo penso tuttora) che il disagio fosse aggravato dai farmaci, non curato. Per questo chiesi se fosse possibile riconoscermi una invalidità temporanea. La risposta fu: niente da fare.

La cosa curiosa è che vidi l’opportunità di avere dei soldi per la mia invalidità. Quando invece l’invalidità non c’è, quante opportunità vedo? E realmente altre opportunità non ci sono?

Perché effettivamente a mente lucida, con un corpo sano, quante opportunità di guadagno si riescono a vedere?

Il problema spesso è il bombardamento di informazioni e la mancanza di concentrazione e focus, tanto che prendere delle soluzioni preconfezionate è semplice e viene fatto. Ma seguire la propria indole e sfruttare le opportunità adattandosi all’ambiente, di cui va fatta una mappa, va interpretato e compreso (a modo proprio), ecco, tutto questo non viene fatto. Non che costi fatica, seguire la propria indole è di per se qualcosa di inerziale, certo c’è un po’ di sforzo, ma si può contare sul primo principio della dinamica.

C’è un’altra frase che mi viene in mente ed è “in Italia fare la vittima per qualcuno è un mestiere”. Questa è stata detta dalla persona sbagliata non troppo tempo fa, ma non posso non essere d’accordo col contenuto.

In sostanza sembra il solo modo di essere vincenti (o perdonati??), quello di dipingere un mondo avverso tutto intorno a se.

Ho troppo il sospetto che è proprio il desiderio di essere perdonati per la propria fortuna che porta molti ad essere vittime, prima ancora di aver subito un torto, e in tutte le maniere si ricerca il modo di subirlo per sentirsi a posto con se stessi, con la coscienza, con gli altri. Perdonati.

Ma perdonati per cosa?

Non è ammirevole una persona felice, sana, piena di forza, che non si fa fregare, pur essendo onesta, e che riesce ad essere vincente?

Deve per forza esserci qualcosa di losco dietro?

Non sarà forse poco opportuno avere come punti di riferimento qualcuno che si fa crocifiggere, perde, dice cose giuste ma incontra gente sbagliata, si fa fregare e finisce per essere una vittima?

Ma basta col parlare dell’immagine di Renzi.

Volevo scrivere qualcosa sulle opportunità e la miopia di chi non riesce a vederle, ma ho finito per lo scrivere della totale mancata comprensione di cosa sia veramente una opportunità.

Una opportunità è qualcosa che ti faccia stare bene. Un opportunità non è qualcosa che ti salva dalla dannazione di una vita felice alla quale corrisponderebbe un prosieguo terribile dopo il trapasso.

Altrimenti alla fin fine va pure bene stare di fronte la porta del supermercato a chiedere gli spicci a chi fa la spesa, oppure farsi rompere un braccio per incassare i soldi della assicurazione: “ma io soffro”.

Caso Atlantia

Per quanto io di borsa e titoli non ci capisco niente, so che se un titolo paga lauti dividendi per un periodo lungo senza che il titolo si apprezzi, è molto probabile che quel titolo faccia un tonfo, magari in un momento inaspettato. Anzi, sicuramente in un momento inaspettato.

So di queste cose perché fineco concede un fido ad un tasso veramente agevolato (poco più del 3% lordo) se a garanzia metto titoli azionari o titoli di stato italiani, che coprono il fido per, rispettivamente, il 50% del valore di mercato, e l’80% del valore di mercato. Il fido minimo attivabile è di 2500 euro, così devo avere almeno 5mila euro investiti in titoli. I titoli di stato non sono convenienti, quindi acquisto titoli italiani.

Non essendo un esperto mi capita di fare errori importanti, ma visto lo scopo dei miei investimenti (la copertura del fido necessario quando ci sono scadenze fiscali) posso permettermi comportamenti da miliardario, ovvero nel caso un titolo perda molto, posso tenerlo anche per anni, fino a quando non risale abbastanza da poter rientrare senza farmi troppo male.

Atlantia stacca dividendi piuttosto alti, a questi livelli ci sono Enel, ENI, qualche tempo fa Terna, Hera, Agea, altre aziende semistatali, e le small capital. Anche STM microelectronics e Tim staccano buoni dividendi.

Definisco “alto” un dividendo dal 4.5% fino al 6%, perché se sfora questo livello c’è qualcosa che non torna, probabilmente l’azienda è in dismissione.

Resta il fatto che un dividendo sopra il 4% dovrebbe attrarre investitori, e quindi far salire il prezzo di mercato di quell’azienda, se gli azionisti non sono scemi.

Se questo non succede, se il dividendo continua ad essere alto rispetto al valore delle azioni, allora l’azienda non è considerata stabile dalla maggioranza degli investitori. E questo è un campanello di allarme che mi porta ad impostare i livelli di uscita, a controllare l’andamento del prezzo di mercato precedente, ed a cercare di indovinare se l’azione salirà.

Non ci riesco, futile dirlo forse. Però con le aziende statali si ha una qualche tranquillità nel senso che se le cose vanno male, qualcuno le rifinanzierà e quindi torneranno ad andare bene.

Atlantia non è statale, ma è un po’ come la Fiat degli anni ’80.

Il crollo in borsa penso sia solo passeggero.

Però non credo che continuando a tollerare questo tipo di “capitalismo” le cose possano andare in una direzione positiva.

Il crollo di un ponte è una tragedia nella quale Atlantia ha grandi, grandiose, enormi responsabilità. Non può certo appellarsi alla buona volontà od alle normative rispettate.

Mentre il crollo del titolo il borsa è il risultato della gestione delle risorse fatta dalla società Atlantia, di cui sicuramente Atlantia S.p.A. è responsabile al 100%.

Per quanto non mi piace l’atteggiamento del ministro del lavoro, nelle modalità, nel linguaggio, e nella irruenza, di certo non è responsabile della caduta del titolo in borsa. E del resto non amo neppure le sparate pubbliche di Brunetta (più o meno per gli stessi motivi).

NUMERI E PROPORZIONI

“è stato sempre fatto così”
lo si usa per parlare di tutto: “e se a casa c’è da mangiare per 10, ce n’è anche per 11”, “una volta ci si scaldava col camino e non s’aveva problemi con l’inquinamento”, etc.
 
La situazione precedente non è replicabile. Popolazione mondiale (in milioni di abitanti):
1900 1 650
1950 2 519
1955 2 756
1960 2 982
1965 3 335
1970 3 692
1975 4 068
1980 4 435
1985 4 831
1990 5 263
1995 5 674
2000 6 070
2005 6 454
2010 6 930
2015 7 349
 
l’inquinamento di un camino alimentato a legna nel 1900 incideva per un quarto di quanto inciderebbe oggi, se tutti avessero “continuato a fare cosi perché è stato sempre fatto così”.
 
Thomas Malthus nel 1798 pubblica un saggio dove teorizza una crisi di risorse dovuta all’aumento della popolazione. Visto che in vita sua queste sue ipotesi e previsioni non si sono mai realizzate, questo sembra sufficiente per argomentare che fossero sbagliate. La popolazione mondiale nel 1800 era di 978 milioni, un decimo della proiezione per il 2050.
Si crede che non ci sia una crisi di risorse, ma si commercializzano i vermi per l’alimentazione, in Egitto e in molti Paesi nordafricani sono tornate dittature peggiori di quelle passate, la rivolta del 2011 è nata dall’aumento del prezzo del grano.
 
Per dire, Gandhi pronuncia una delle sue frasi più citate (“Nel mondo c’è quanto basta per le necessità dell’uomo, ma non per la sua avidità.”) attorno agli anni ’50, la popolazione mondiale era 2,5 miliardi, oggi bastano solo India e Cina per raggiungere quei numeri. Supponete che nel 1950 tutta la popolazione mondiale avesse deciso di trasferirsi nei territori di India e Cina, senza per altro coltivare altri territori, né usarli come pascoli. Avrebbe fatto lo stesso discorso?
 
Ma questo non è tutto. Non tutto il territorio terrestre può essere coltivato, a meno di non mettere a rischio la biodiversità e le naturali difese ecologiche contro la diffusione di malattie e parassiti. Ma via via, col tempo, sembra che colossi come la Monsanto riescono a stabilire che è preferibile una monocoltura, persino ignorando i possibili effetti negativi sulla salute (glifosato definito “probabilmente cangerogeno” da ricercatori indipendenti, ma ricerche messe a tacere, e ricercatori coperti di merda).
 
E poi ancora. Quanto mare e quanti oceani credete che ci siano? I sacchetti di plastica sono un problema, certo, ma il mare non è infinito. La qualità del pesce diventa di anno in anno sempre più scadente. Ci si ritrova a mangiare pesci che qualche anno fa avremmo schifato. Perché la quantità del pesce buono diminuisce, e si tende a pescare e foraggiare (se non allevare) il pesce che dà maggiore resa.
 
“Troveremo altre risorse”, “troveremo il modo per…”. Stronzate. Semplicemente non puoi estrarre risorse da qualcosa che non ne ha. Nulla si crea nulla si distrugge.
 
Siamo materiale biologicico, siamo parte di questo, e non siamo qualcosa che momentaneamente è ospite del pianeta. Siamo questo pianeta. O almeno una parte di esso. E l’equilibrio non è risalire sugli alberi, ma smettere di fare i bambini ed acquisire un minimo di consapevolezze.
 
Poi c’è chi sogna di andare su Marte, o i chi vuole coltivare dall’altro lato della Luna. Non credo che ci sia nessun vantaggio, ma, per quanto pazzi, apprezzo sicuramente il fatto che non farnetichino con frasi come: “è stato sempre fatto così”

Messaggio ai contribuenti

Contribuenti. L’idea che siano contribuenti coloro che pagano le tasse è piuttosto deformante. Si contribuisce con il lavoro, il valore aggiunto, i servizi offerti alla società. Quando si parla di evasione tutto questo viene ignorato e messo a tacere.

È un evasore un lavoratore che guadagna e spende tutti i suoi soldi senza pagare un centesimo di tasse?

Ci si chiede poi: da dove arrivano i soldi per la sanità e i servizi?

E questa è di nuovo una idea ridicola. La sanità e i servizi sono forniti da persone che lavorano, non dai soldi pagati con le tasse. Le persone che lavorano percepiscono sì uno stipendio, quindi dei soldi, ma quei soldi non sono creati dagli altri lavoratori. I soldi sono presi in prestito dagli istituti di credito, banche. Banche centrali per l’esattezza. I soldi sono debito pubblico. Un ipotetico evasore squattrinato (perché ha speso tutti i suoi soldi) non sarebbe capace di creare moneta per pagare medici, ospedali, scuole, governo e sindacati.

Per creare i soldi il lavoro non serve a niente. Per creare soldi c’è bisogno di fiducia. Fidarsi del fatto che gli istituti di credito non emettano più moneta del necessario (cioè il discorso contrario a “permetteteci di sforare i parametri”).

Ora veniamo all’odio. Google non paga le tasse! Amazon non paga le tasse!

E così si mettono webtax o robe simili. Va a finire che queste tasse vengano poi pagate da chi utilizza questi servizi.

Google paga i propri dipendenti in modo dignitoso. Amazon lo fa un po’ meno. È solo questo il problema, solo se una azienda non tratta in modo dignitoso i propri dipendenti.

Sia Google, sia Amazon, sia Twitter, Facebook, e via dicendo portano avanti progetti di ricerca che senza soldi non sarebbero possibili. Raccolgono soldi dagli investimenti in borsa, spostano le loro sedi in (piuomeno-)paradisi fiscali e così tutto questo diventa possibile.

Diventa possibile che SpaceX mette in cantiere viaggi interplanetari, quando la NASA stava per fallire od essere chiusa.
Diventa possibile creare un quantumcomputer.
Diventa possibile sviluppare l’intelligenza artificiale, e usarla.
Diventa possibile comunicare, commerciare, mettere in contatto le persone, informare, far crescere la consapevolezza, l’idea di appartenenza alla stessa umanità.

Riusciamo a contare tutti i conflitti mondiali. Sono sempre più piccoli. Sono sempre meno numerosi. Ma fanno sempre più baccano.

Qual è il contributo del pagamento delle tasse a tutto questo?

Giornataccia, eh??

No. All’estero non ti incazzi. All’estero accetti le regole e fai quello che ti dicono di fare. Non discuti. Non ti metti a contestare qualsiasi cosa. E non vuoi la pillola indorata, vuoi sapere l’esatta dimensione della supposta, perché puoi decidere di accettare o meno, con coscienza.
Ma è diverso.
Perché lì le regole ci sono e sono rispettate, e non succede che qualcuno non rispetti i tuoi diritti dopo che gli hai citato l’articolo che ne parla, no, non ti chiudono il telefono in faccia.
 
E questo è un effetto a catena. È per tutto così. Qui tutto è un’incognita. Ognuno fa quello che vuole. E nessuno può fare affidamento su nessuno.
 
Il lavoro è pagato poco? Ma come si può fare affidamento su una persona assunta? Se poi non è diligente? (Presunzione d’indolenza.)
 
Semplicemente non funziona. Inutile parlare della buona fede e dello scommettere su questo Paese. Sono soldi persi.
 
E se poi pensi che sta andando, che hai risolto qualcosa, non è vero niente. È solo un compromesso, è solo una pezza che hai messo per tirare avanti, fra 2 mesi si ripresenta qualche altro problema e se di nuovo al punto precedente.
 
Gli imprenditori se ne vanno. I lavoratori qualificati se ne vanno. Rimangono gli immigrati, talmente abituati alla corruzione dalla quale provengono, che questo è il paradiso a confronto. Benvenuti, ma no, non è il paradiso, è solo un gradino più su, è solo tirare fuori la testa dal letame nel quale stiamo affogando. Si sopravvive e non si affoga.
 
Davvero, quanto manca che per avere un certificato devi corrompere il funzionario? E che se vuoi passare prima in un concorso devi pagare qualcuno? Ci manca qualcosa per essere Africa.
 
E no, non ci piace l’Europa, ma siamo africani, africani con la spocchia di essere meglio. Corrotti peggio del peggio. La mafia è solo una filiale di tutto il sistema, semplicemente usa metodi più violenti, ma la corruttela è la stessa, o forse addirittura minore. Ed è tipica la replica dei mafiosi: “cosa vuol dire non ammazzare se sei un uomo di merda? se non mantieni la parola sei peggio di un cane rabbioso, e come cane rabbioso vai ammazzato”
 
E non è colpa del caldo. È la stessa merda anche d’inverno.

Auto Faccio prima, e in bici faccio tardi

Esco di casa in bici e mentre procedo sulla strada principale una macchina proveniente dal senso opposto deve svoltare a sinistra. Mi trovo in mezzo alla via che quell’auto deve imboccare ed è costretto ad aspettare che io attraversi.

Il traffico automobilistico è più veloce di quello ciclistico, non c’è dubbio. Mi viene in mente che forse avrei fatto meglio a prendere l’auto, così non avrei intralciato il traffico.

Penso sia la stessa cosa che ha pensato l’altro automobilista: prendo l’auto, così faccio prima. Ma poi trova il ciclista e gli tocca di aspettare.

Quanto è vera questa cosa?

Personalmente preferisco non prendere l’auto per fare 500mt, che percorsi ad una velocità di 20 km/h, si fanno in 90 secondi, a 15 km/h in 2 minuti.

Prendere l’auto vorrebbe dire uscire dal parcheggio (circa 40 secondi per aspettare il traffico), procedere ad una media di 35km/h, che vorrebbe dire impiegare 55 secondi per arrivare, parcheggiare, chiudere, etc.

Considerato il fatto che le operazioni uscire dal parcheggio, entrare in strada, chiudere, e tutto sono praticamente necessarie anche con la bici, in auto guadagnerei circa 60 secondi, cioè sarei in piscina un minuto prima.

Ma questo è il punto di vista personale/individuale.

Quando sono a Francoforte devo percorrere circa 6 km per arrivare in ufficio, in bici impiego non più di 16 minuti. Prendendo i mezzi di trasporto, con le coincidenze giuste, posso arrivare in 35 minuti. In questo caso è conveniente la bici. In auto, all’ora di punta, il tempo necessario è di circa 20 minuti, una velocità media inferiore ai 20km/h.

È l’effetto dei semafori. Ci sono semafori per ogni cosa, e per di più la metro di Francoforte è di superfice, ed ha ovviamente la precedenza. In bici te la cavi non rispettandoli, in fondo stai passando sulla ciclabile, sopra i marciapiedi, se non ci sono pedoni la strada è libera, e lo è spesso.

Supponiamo che ogni utente della strada prenda l’auto. Supponiamo che in un’ora ci sia un traffico di 100 auto. I punti di partenza e di arrivo sono casuali, e casualmente distribuiti in una determinata area di interesse.

Supponiamo una situazione differente in cui il 50% degli utenti scelga la bici al posto dell’auto.

D1. Ci sarà più o meno traffico?
D2. Il tempo di percorrenza medio di ogni utente sarà maggiore o minore?
Prendiamo in considerazione un’ultima situazione: il 100% degli utenti sceglie la bici per spostarsi. Di nuovo le domande:

D3. Ci sarà più o meno traffico?
D4. Il tempo di percorrenza medio di ogni utente sarà maggiore o minore?

R1. Intuitivamente, ma anche scomodando qualche algoritmo di collition detection, con meno auto e più bici la possibilità di collisioni, ovvero di conflitti di precedenze è minore. Quindi il traffico è minore. Ok, l’automobilista deve aspettare che attraversi la bici, ma questo evento è più raro e meno fastidioso dell’aspettare che passino più auto (tenendo conto della risposta a 2.)

R2. Il tempo di percorrenza sarà in media maggiore? è difficile rispondere a questo. Se è vero (come lo è) che l’auto viaggia più velocemente, ha una maggiore accelerazione, frena più prontamente. È anche vero che il traffico (il numero di auto presenti) rallenta la mobilità, rendendola poco scorrevole, e creando ingorghi. È molto probabile che il vantaggio dell’avere un mezzo più potente sia annullato dal non avere vie di fuga per poterlo sfruttare.
Con il 50% di traffico automobilistico trasformato in ciclistico le auto dovrebbero avere maggior spazio di manovra, e riuscire a svincolarsi più velocemente dagli ingorghi più rari.

Ad intuito direi che debba esistere una specie di numero caratteristico di ogni strada, che descrive oltre quale numero di auto si forma un ingorgo con una certa propabilità. Ovvero forse è il caso di parlare di funzione caratteristica che lega la probabilità di ingorgo al numero di auto presenti in strada.

FCI(n) = p con p reale e 0 < p < 1

(Funzione Caratteristica di Ingorgo)

D5. Supponendo di avere a disposizione questa funzione, come la si potrebbe usare per determinare se e in quale misura sia conveniente l’uso della bicicletta?

R5. Per rispondere a 5 bisogna definire “conveniente”. Per me conveniente è un minor tempo di percorrenza medio, ovvero:

n
S    TPT(i)
i=1

(Tempo di Percorrenza Totale) dove n è il numero di utenti. Il tempo di percorrenza dovrebbe essere in relazione alla FCI, rivedendo questa funzione, dovrebbe anche essere legata ad un intervallo di tempo, ovvero è una funzione a 2 variabili:

FCI(n, D) = p

con D reale è una misura del tempo, diciamo secondi, durante il quale l’utenza sta percorrendo la determinata strada.
Uso D come Delta t, intervallo di tempo, si potrebbe pensarlo come integrale, ovvero:

t1
S    FCI(n) dt
t=0

ma essendo FCI non dipendente da t, risulterebbe

t1
S     FCI(n) dt = (t1-t0) * FCI(n)
t=t0

Ritorno sui miei passi e considero FCI(n) una funzione con una variabile aleatoria intera n.

È costante, non dipende dall’ora della giornata, le ore di punta lo sono perché l’utenza è maggiore, ovvero perché n è maggiore, può dipendere dalle condizioni metereologiche, dal grado di concentrazione dell’utente, e via dicendo. Ma dovendo produrre una probabilità confido che questa funzione riesca nel suo scopo senza dover scomodare tutte le componenti, anch’esse probabilistiche.
Dunque, tornando al problema, il TPT(i), tempo di percorrenza totale dell’utente ‘i’, è funzione della probabilità di ingorgo, della velocità massima, e dell’accelerazione possibile nel percorso P che deve fare per raggiungere la destinazione.

TPTi(VmaxP, AmedP)

Velocità massima e accelerazione massima sono dipendenti dal percorso, considero che si possa determinare una media di questi 2 parametri. La velocità massima è regolata dalle possibilità del mezzo e dalle norme che limitano le velocità per questioni di sicurezza stradale. L’accelerazione media è dipendente dal mezzo e dal percorso, vale che una bicicletta non può accellerare oltre un certo limite, e che in salita la sua accelerazione sarà comunque minore, e questa cosa vale, nelle dovute proporzioni, per ogni tipologia di mezzo.

E ovviamente TPTi(VmaxP, AmedP) ha a che fare con la probabilità di ingorgo, che è dipendente dal tempo T, risultante dall TPTi() stessa. Sia

TPTi(VmaxP, AmedP) = Ti

allora FCI(n), n sia 100, FCI(100) p_100, la probabilità di ingorgo è Ti*p_100.

D’accordo, ma come questa probabilità influisce sul tempo di percorrenza?
E influendo su esso, cambia Ti, ovvero, provo a fare un esempio:

Ti = 600 sec.
p_100 = 0.001

la probabilità di ingorgo sarà 0.6 , supponendo che un ingorgo standard diminuisca la velocità media di percorrenza di un singolo utente del 10%, e supponendo che tale velocità media fosse 30 km/h, sarà 24 km/h, se in 10 minuti (1/6 di ora) a 30 (2 min/km) ha percorso 5 km, allora a 24 km/h, per percorrere 5 km avrà bisogno di 750 secondi, ma l’equazione diverrà:

Ti = 750 sec.
p_100 = 0.001

e la probabilità di ingorgo sara 0.75, e così via.

Le variabili sono interdipendenti ed è il caso di parlare di equazione differenziale. Ma essendo p_100 una costante, basta aggiungerla alle variabili aleatorie di TPTi:

TPTi(VmaxP, AmedP, p_100) = Ti

Dunque, VmaxP e AmedP sono funzioni caratteristiche del mezzo e del percorso,

VmaxP = vm(k,p)
AmedP = am(k,p)

dove k sta per kind (tipo di mezzo) e nel caso che interessa me può essere ‘auto’ o ‘bici’

in sostanza sarebbe interessante valutare qual è il valore

TPTi(VmaxP, AmedP, p_100) = Ti

nel caso dell’auto:

TPTi(vm(‘auto’,p), am(‘auto’,p), p_100) = Ti

e nel caso bici:

TPTi(vm(‘bici’,p), am(‘bici’,p), p_100) = Ti
MA non bisogna dimenticare che le auto hanno una probabilità di collisione/conflitto per precedenza maggiore rispetto alle bici, quindi è più corretto rivedere la funzione

FCI(n) = p

nel senso di

FCI(a,b) = p

con a numero delle auto, e b numero delle bici. Essendo
FCI(0,b) =~ 0

per b non sproporzionalmente alto (non vicino alla saturazione completa delle careggiate, condizione piuttosto improbabile).

MA, seconda obiezione, bisogna anche stabilire quanto sia influente un ingorgo sulla percorrenza di un auto, e quanto lo sia sulla percorrenza di una bici. Ovvero, in caso di ingorgo con la bici si riesce comunque a muoversi, con l’auto la cosa è più difficoltosa, cioè l’influenza sulla velocità media, la riduzione di velocità media per una bici dovuta alla presenza di un ingorgo è praticamente insignificante. Vale a dire che il valore di FCI(a,b) incide solo su TPTi() di un’auto.

A questo punto ha senso e non si perde molto di dettagli (nelle condizioni non estreme) considerare FCI(a) e ignorare completamente la presenza delle bici in quanto ininfluenti per il verificarsi dell’ingorgo.

Ma sto contraddicendo l’evento di stamattina, quando attraversavo un incrocio andando in bici. Il mio attraversamento ha causato un ingorgo. Ovvero è giusto far dipendere FCI(a,b) sia da a che da b, ma può essere ignorata nella valutazione di TPTi() nel caso di i = bici
Un caso estremo è 99 bici e 1 sola auto. In tal caso la probabilità di ingorgo o rallentamento influisce sulla percorrenza della unica auto, ed è il caso che l’unico automobilista prenda la bici per avere meno rallentamenti possibili, sempre che le caratteristiche del mezzo non sopperiscano al tempo perso nel dover rallentare e dare le precedenze.

Altro caso estremo è quello che 99 auto e 1 sola bici. Visto che gli ingorghi non influiscono sulla percorrenza di una bici, le 99 auto avranno un disturbo in più e una maggiore probabilità di ingorgo, ma l’unico ciclista è rimane comunque nelle condizioni ideali di percorrenza, dipendenti sostanzialmente dalla propria gamba e dall’asperità del percorso.

Parlando di velocità medie, una bicicletta può tenere circa 15km orari, senza troppe difficoltà. Mentre un’auto, in una zona con limiti di 50 km/h ha una velocità media di percorrenza di circa 30 km/h. Ma questo è vero in teoria.

Le notizie a riguardo riportano queste velocità

http://www.lastampa.it/2012/05/16/italia/cronache/velocita-media-chilometri-all-ora-in-citta-si-viaggia-lenti-come-nel-XryHlFrywXunZmoxHOjTIP/pagina.html

15 km/h e scende fino ai 7 km/h
Scegliere l’auto per muoversi nelle ore di punta è un’utopia. In realtà riuscire a tenere la media dei 30 in una strada con limite di 50 è piuttosto azzardato, spesso prevede il non dare precedenza ai pedoni, e una guida piuttosto aggressiva.
Questi i dati provenienti dalle scatole nere:

In città, tutti i giorni in auto, alla velocità di una bicicletta…

Nel percorso urbano meno di 20 km/h

Ma sarebbe comunque interessante determinare empiricamente la forma delle funzioni caratteristiche, o comunque cercare di modellare in questa maniera il traffico

Riguardo la praticità (spesa, etc.) ci sono prodotti veramente interessanti a prezzi contenuti:

http://amzn.to/2tGiTfe

o anche più eleganti:

http://amzn.to/2vbfUQ3

ad un prezzo un po’ più esclusivo.

 

 

Nota: uso S la prima vota come Sommatoria (Sigma), le altre volte con simbolo di integrale. È perché sono pigro e non mi va di formattare bene. Non è un errore, è pigrizia, una mia caratteristica.

Di nuovo questo discorso di merda. Rompetegli quel gioco.

Migranti muoiono sui barconi. Oddio la morte. Esultare per la morte è deprechevole, eccetera.

Dalla parte dei migranti.

Sei povero, l’Europa è ricca, bisogna elevarsi, trovare una situazione migliore. Qui c’è guerra, e se non c’è fra un paio di mesi ci sarà, oppure è poco più là, e quindi arriva. Qui c’è fame, si lavora ma per pochi soldi, per lo più sfruttati dal mondo ricco che vuole prodotti a poco prezzo, e qui tutti a spaccarsi la schiena. Cosa si fa? Ribellarsi, far rispettare i propri diritti, far deporre il presidente corrotto e prezzolato dalle economie ricche? E sì … come non lo si sa? Appoggiare un gruppo di ribelli, imbracciare un fucile, fucile venduto dai ricchi del Mondo, pagati con le schiene rotte dei nostri padri, per poi arrivare al potere e farsi corrompere di nuovo, e aspettare il proprio turno, che qualcuno venga a spararci alla schiena.

Sei povero, cosa si fa? Andarsene, qui non cambia niente, se non imbracci il fucile tu lo fa qualcun’altro. Vattene.

Ma come? Ci sono diverse vie per l’Europa. Una, ad esempio, è la Spagna, stretto di Gibilterra, facile da attraversare, abbastanza sicuro, spesso percorso da trafficanti di droga, cosa piuttosto richiesta in Europa, ma illegale. Il problema sono i documenti, in Spagna bisogna essere entrati in modo regolare, altrimenti non si ha la patente, ad esempio, così non ci si può muovere, e se c’è un controllo possono arrestarti, si è ricattabili e si è sempre esposti al potere dei prepotenti.

Un’altra via è per l’Italia. In Italia puoi vivere e fare tutto nella quasi illegalità. Ci sono pochi controlli, raramente si è incarcerati, se si protesta si è ascoltati, si sta bene, non è freddo. Il problema è la via. Trafficanti, di uomini, chiedono fino a 2mila euro per attraversare un tratto lungo di mare, spesso calmo, ma a volte non sicuro. I barconi che affondano sono circa il 10%. E una volta affondati non c’è scampo.

Dalla parte degli stanziali.

La proprietà privata è un furto? Lo Stato tassa la proprietà non permettendo di mantenerla, le banche sottomettono le istituzioni facendo impoverire i piccoli proprietari, non sono invece loro i ladri?

Arrivano i migranti e occupano le case, la mia casa, il mio investimento, il frutto del mio lavoro che non avevo speso per usarlo per progetti più grandi. Questo investimento non ha funzionato. E ora fanno pena. Sì, fa pena vedere che muoiono sui barconi cercando di arrivare in Italia.

I morti fanno pena, ma non quei parassiti che sono nella casa che pensavo fosse un investimento. Mi mettono i bastoni tra le ruote. Che pensano di essere migliori? I miei progetti non valgono nulla? La mia famiglia, quello che avevo in mente: buttato per la decisione di non doverli toccare. Perché? Perché non sono rimasti dove erano? Oppure perché non lavorano e non pagano un affitto?

Non vorrei molto, ma mediare. Ecco.


Questa cosa è quella che non farete mai se continuate ad andare dietro ai vari Bossi, ai Salvini, eccetera. Non medierete. Mai.

Purtroppo sono proprio quelli che non c’entrano niente a votare la Lega. Ma d’altra parte nessuno propone di mediare.

Però c’è sempre chi ragiona col culo. O sei Salvini che vuol bruciare i neri nei barconi, oppure parli delle condizioni estreme attraversate dai poveri per far passare in secondo piano tutto quello che gli si giustifica. Nel secondo caso, passano 10 anni, più o meno, e gli stessi migranti iniziano a votare Lega. Ecco, hai creato il circolo vizioso grazie al quale la politica si foraggia senza inventare nuove idee.

Il punto è che bisogna minare le posizioni di rendita, anche quando si tratta di politica. Altrimenti essa si adagia sul solito conflitto, li trovi a litigare nei talk show e alla fine farsi i complimenti: “bella partita”. Avversari, sempre, ma sportivi.

Rompetegli quel gioco.

Lasciateli andare

USA: facciano quel che credono.
Erano una luce guida, ora sono intrappolati nella loro paura del buio e brancolano senza direzione.

Guardate come è cambiato il consolato americano a Francoforte (conosco questa storia per bocca di un amico che vive lì da quando era bambino ed ora ha più di 40 anni). Fino agli anni ’90 il consolato aveva un semplice muretto di confine, non completamente chiuso, era molto aperto e comunicativo con l’esterno, i residenti americani parlavano e frequentavano i tedeschi senza nessun problema. Era l’emblema dei valori di libertà.
Oggi il consolato è recintato completamente, la recinzione è alta minimo 3 metri, ogni entrata è presidiata da uomini armati, a stento parlano con gli abitanti locali, è solo la polizia tedesca che riesce a renderli tollerabili con la loro insospettabile gentilezza e cortesia. Sono la rappresentazione della paura e della diffidenza.

E questo è ciò che è accaduto alla luce guida, ora vogliono guidarci nel buio, non è più tempo di seguirli.

Chiaramente, dal punto di vista economico siamo sempre stati una provincia, noi subalterni abbiamo prodotto, e loro ci hanno fatto sognare col loro cinema, la letteratura, i voli spaziali, la speranza, il sogno (americano) e tutto il resto.

Ma ora non sono più capaci neanche di darci un lume di speranza, neanche un sogno. Ora sono come vedenti, spaventati di aprire gli occhi, per paura di rimanere accecati da chissà quale terribile raggio laser. E così brancolano.

Non parlo di Trump, la sua elezione ha solo reso evidente il tracollo della cultura americana. L’ascesa è finita, la finzione non regge e non è riuscita a coprire gli orrori persino peggiori che sotto l’amministrazione Obama essi sono riusciti a compiere nei confronti di popoli poveri e oppressi da secoli di sfruttamento. 200 anni di storia, da sopraffatti a sopraffattori, poi carnefici, e poi orribili orchi spaventati dagli scarafaggi, come degli immensi elefanti che scappano da un topolino.

Il tracollo è inevitabile. Oggi s’è grandi, non si gioca più alla guerra. E francamente mi hanno stufato, vorrei vedere qualcosa di diverso, altri riferimenti, accetterei persino la supremazia cinese. Basta cowboys

L’arte del compromesso

Stamattina devo solo correre per 50′, corsa lenta. È mercoledì ed a Castelferretti c’è mercato. Che importa? faccio via del Consorsio poi giro per la strada che porta allo stadio, giro intorno allo stadio. Inevitabile non notare la differenza tra via del Consorsio e la zona stadio di Falconara, molto più tranquilla e silenziosa quest’ultima. Ed inevitabile notare come a livello emotivo incide, anche nel correre si sente parecchio la differenza. Corro sul marciapiedi, le auto non mi disturbano, eppure è una specie di agitazione che si trasmette dal movimento delle auto a me. È lecito chiedersi dove accidenti state andando tutti? Sì, lecito, e la risposta è anche semplice: da qualche parte.

Da qualche parte, comunque un po’ diversa per ognuno. E nessuno riesce a mettere daccordo chi deve andare esattamente dove deve ed esattamente all’ora in cui deve trovarsi proprio lì. È impossibile. Per questo c’è bisogno che ognuno faccia da se. Altrimenti si potrebbero organizzare in maniera tale che uno guida, gli altri semplicemente aspettano di arrivare, si potrebbero predisporre mezzi più grandi delle automobili, di modo da poter far salire un numero maggiore di 4 persone alla volta, e addirittura far specializzare alla guida una sola persona, che per tutto il tempo faccia questo servizio. Servizio pubblico, lo chiamerei.

Ecco, ma nessuno vuol scendere a quel compromesso. E magari trovarsi lì 10 minuti prima o 10 minuti dopo.

Quello che più mi stupisce di noi italiani è la pazienza con la quale riusciamo a stare in fila senza fiatare. Eppure non ammettiamo nessun altro tipo di compromesso. Appena ne abbiamo l’occasione facciamo come ci pare, perché è nostro diritto. Senza starci a pensare troppo se convenga o meno.

Mai ci chiediamo perché si fa la fila. Non sarebbe meglio passare avanti a tutti e farsi servire per primi? Se io fisicamente sono più grosso potrei pretenderlo, no? Allora perché non organizzare le code in base alla stazza? Oppure si potrebbero organizzare tornei di lotta periodici per poter stabilire le priorità nelle code. Non è una cattiva idea. Del resto mettiamo in discussione tutto, perché non mettere in discussione anche le code?

Ah, ma la macchina conviene, comunque