E così tutto si perde

Tutto si perde. A nessuno gliene frega niente realmente.

Tutti sempre pronti ad infervorarsi o a giudicare questo o quest’altro, tutti sempre connessi e pronti a dire la propria riguardo una situazione altrui, buona o cattiva cosa che sia.

Ma poi nulla. Qualsiasi cosa viene persa nel tempo, come lacrime nella pioggia, per fare mezza citazione.

Se provo ad accedere a facebook e guardo il mio diario è un marasma di nullità.

Se mai ho scritto qualcosa di interessante, che forse non ha neanche ricevuto troppi like, questo è perso in mezzo alle puttanate che solitamente invio solo perché le trovo divertenti.

Se poi ho un problema e qualcuno sembra interessarsene, non ho modo di tornare a dove l’ho descritto e aggiornare chi ne voglia sapere qualcosa.

Ecco cosa penso: Facebook è un flusso di merda.

Io tornerei tranquillamente al blog. Associato con un account twitter. Trovo che la cosa sia più individualista e meno dispersiva di quella cloaca di empatica indifferenza che è Facebook.

Cittadinanza fluida

Ragionavo qualche mese fa sul cambiare lavoro. In quel momento ero a Francoforte e pensavo: ok, questa azienda qui fa streaming è di Amsterdam, non è male il posto, oppure ho molte offerte da Londra ma per lo più dalla city.

Poi ho pensato non sarebbe male cercare qualcosa a Dublino, o negli States.

Tutto questo è sfumato considerato il fatto che voglio accettare la sfida di restare a lavorare per SSW.

Ma tutte queste possibilità di andare ovunque perché non le hanno tutti?

Il motivo è che sei bene accolto se vai a fare qualcosa che ami fare. Certamente trovi invece un atteggiamento ostile se ti sposti perché dove sei dai fastidio o sei rifiutato.

E stesso discorso per chi va alla ricerca della fortuna. Fortuna che dovrebbe essere più frequente in alcuni posti e non in altri.

Ma il successo nella vita è per il 99% costruito dalla dedizione e dall’1% dalla fortuna, che poi viene ingigantito perché si è saputo coglierla, ma solo perché si dedicato il 99% a ciò che piace.

Ma l’idea della cittadinanza fluida a me piace parecchio. Perché devo versare i contributi in un Paese nel quale non vivo? solo perché ci sono nato? Supponiamo che io passi 6 mesi l’anno all’estero, lavorando. Da chi ricevo i servizi? Chi controlla il traffico? Chi è che mi fornisce assistenza medica?

In sostanza vorrei che il mio stipendio sia commisurato alla Nazione dove sto lavorando, e che i contributi siano versati a favore di quel Paese, penso sia più equo.

Perché dovrei avere una cittadinanza così bulimica da occupare qualsiasi affare?

Penso ad un concetto simile a quello dei containers software, che una volta trasportati su di un’altra macchina usano risorse dell’altra macchina, e così dovrebbero pagare con servizi forniti all’altra macchina.

E poi io non devo occuparmi di indicare quali sono le mie spese o le mie entrate, che faccia tutto la macchina.

E per la rubrica “stronzate del mercoledì sera” è tutto.

Buonanotte

quel paesello di Frankfurt Am Main

vogliamo parlare male di Francoforte?
Facciamolo
https://www.ilmitte.com/blog/2014/12/04/francoforte-domenica-deserto/

è provinciale perché i negozi sono chiusi la domenica.

poi andiamo a vedere…

Germania: I Negozi Aperti La Domenica?

“””
Ahimè sì! Da Düsseldorf a Berlino, da Amburgo a Francoforte, da Monaco a Colonia, come avrai ormai intuito: in Germania i negozi sono chiusi la domenica.
“””

sembra che anche Monaco di Baviera, la grande Monaco sia altrettanto provinciale.

confermato dal sito della città

http://www.muenchen.de/int/it/shopping/info-shopping.html

Sembra che la Germania sia provinciale. Che vuoi farci?

 

Cosa è stato Elbaman per me

Ok. Non ho mai disputato l’Elbaman, solo Elbaman73, ma fa lo stesso.

Nel 2013 avevo l’iscrizione a Cingolani Triathlon per la prima volta, una squadra di triathlon, la mia prima squadra sportiva a dire il vero. Le mie prime gare:

12 km di corsa: Tolentino
21 km Civitanova marche
Olimpio: San Benedetto del Tronto
Sprint: Porto Sant’Elpidio.
Granfondo dei Sibillini.

e poi Elbaman73. Avevo deciso di fare un mezzo, nonostante tutto. La bici non era un problema, facevo un centinaio di km ad allenamento nei fine settimana, e la GF sibillini l’avevo finita. Così pensavo.

Ero disadattato e spaventato da tutto, uscito da poco da problemi emotivi-affettivi-mentali, porcherie varie.

Ero ancora in auto il sabato, e Carassai mi chiama per dirmi di trovare un impermeabile o qualcosa da mettere perché stava arrivando il mal tempo, ed era importante mi coprissi. Avevo un antivento da corsa, veniva dal pacco gara alla GF Sibillini, nero.

Avevo un Garmin Forerunner 110, non impermeabile, alla consegna della bici lo metto dentro il nylon del chip, facendo un buco per far passare il cinturino, e poi sul manubrio della mia Colango C40 del ’98.

Una bici scarsina, un gps a spendere poco, abbigliamento più o meno tecnico, la panda presa in prestito da mamma.

Hotel Thomas, a 700mt dalla zona cambio.

Sono le 7:40 ed è nuvoloso, lo sapevo in anticipo. Il mare era alto, ma a me non ha mai fatto troppo paura il mare.

Evito la calca, col mare grosso finisco sopra agli altri, oppure sono gli altri che mi finiscono sopra. Allargo un po’.
Non vedo l’ultima boa e sto per andare verso il porto. Per fortuna dalle barche mi danno indicazioni.

Esco dopo 51 minuti, e penso di aver sconfitto il drago.

Salgo in bici ed è veramente dura. La salita forse non molto, ma sulle discese sono piuttosto scarso, e con la strada bagnata faccio pure peggio.

Sono a metà del secondo giro quando la pioggia inizia a venir giù forte. Ero senza occhiali, non sopportavo il sudore in faccia, e sudavo troppo. Ma sugli occhi faceva male. Ho pensato non sarei neanche sceso dall’auto per fare mezzo metro se non stessi facendo una gara. No, mi sarei cagato sotto a stare in un’auto in realtà. Ma era sulla mia bici, e sì, usavo le palpebre come tergicristallo, ma funzionavano.

Era ormai discesa, al secondo giro sapevo che ormai era vicina la della frazione. La pioggia continuava, poco meno forte, ma dalla collina scendava fango, ciuffi d’erba, di tutto. Mi ricordo che è passato un SUV, mi ha lavato, cioè infangato. Ma la cosa è durata pochissimo, con tutta la pioggia i mie occhi erano puliti di nuovo. Poi arrivano altri concorrenti, dietro di me. Mi dicono “ehi! sei marchigiano te, giusto?!? anche noi, dai che se hai finito questa è fatta!”. È dura pedalare in discesa, tenere i 30 è quasi un impresa, ma è possibile.

È possibile! è possibile pedalare con tutta quell’acqua! è possibile andare con una bici da corsa immersa nel fango! è possibile persino che sia io quello che lo sta facendo! E per me questo è tutto.

Arrivo alla T2. Tiro via il garmin dalla bici e poi dal nylon. Ho 1h42′ di personale alla mezza di Civitanova, e correre non è certo facile dopo 1100mt di dislivello. I primi sono già arrivati da un po’, hanno corso sotto il diluvio, a Marina di Campo ci sono pozze d’acqua che si stanno asciugando ora. Finisco i 3 giri dopo quasi 2 ore.

Piango. Rido. Oppure piango. Non so cosa dovrei fare di preciso. È tanto. È cambiato tanto.

Qualsiasi cosa sia successo la settimana scorsa voglio scordarlo. Ringrazio Elbaman, l’isola, i volontari e tutti quelli che mi hanno permesso di vivere quello che ho vissuto nel 2013.

Possono anche non accettare più la mia iscrizione in futuro, ma quello che mi è stato regalato non posso ridarlo indietro.

È qualcosa che porterò con me.

Il fatto è che per quanto tu creda fortemente e follemente in qualcosa, succede che finisce. Fallisce, si rompe, non va avanti. Per un qualsiasi motivo. Resta solo di prenderne atto e guardare avanti, credere in qualcos’altro e ripartire. Fa male, certo, ma è così che si va avanti. Alcune cose si perdono, ma infondo ci si porta tutto dentro.

Forse quello del 2017 è stato solo un sogno sbagliato. Meglio pensarla così.

Tanta mattina a tutti! E niente bici

E niente.
Buongiorno.
Dovevo pedalare 180km, ma stamattina ancora ho il mal di gola di ierisera.
E 36.7°C sotto l’ascella. Il fatto è che in genere sto sotto i 35.6.
Mi alzo e mangio. Pizza, due uova sode con un po’ di formaggio, un paio di
bicchieri di vino. La gola non da più fastidio e mi sento meglio.
Ma ho i muscoli scarichi e mi sento sbattuto. Vado a dormire.
Chiudo gli occhi e rivedo i vicoli di Campo dell’Elba illuminati dal sole,
la gente attorno che partecipa e ti incoraggia, i ragazzi che ti corrono dietro per passarti un bicchiere d’acqua.
Riapro gli occhi e mi sento ancora sbattuto. Non ne vale la pena, non posso rischiare di doverci rinunciare.
Quella dell’Elbaman è una gara dura, in Italia non ha confronti. E scegliere Elbaman come primo ironman è un po’ rischioso. Ma quasi sicuro che, sceso dalla bici, posso finire la maratona, in qualche maniera, anche senza energie.
Giovedì scorso, alle 5e30 di sera, sono andato al mare in bici, forse era un po’ fresco.
Capita.
C’è un bel sole. Lo trovo crudele.

come sostenere il ritmo di pedalata in bici

Giustamente le energie pedalando si consumano. Fortunatamente in bici lo stomaco è piuttosto libero e poco sollecitato: mangiare non è un problema.

Per questo motivo ci sono molti integratori in commercio per la bici, sostanzialmente barrette, che sono equilibrate, leggere, energetiche e salutari.

Esattamente come un panino col prosciutto.

La confezione è in pellicola trasparente, il materiale migliore per poter essere aperto facilmente e mangiato. Il pane è di tipo condito, cioè con strutto. Lo strutto è un grasso semplice, a catena corta facilmente assimilabile.

Vale sempre il discorso del bere molta acqua, ma il panino è già di suo più idratato.

Di panini morbidi se ne trovano diversi, solitamente contengono anche zucchero, e quindi hanno un indice glicemico leggermente più alto del pane comune. È una cosa che torna utile durante una pedalata al 40%-50% dello sforzo. Il prosciutto e lo strutto fa il resto.

Altri grassi e proteine molto buone sono quelle da frutta secca: noci, mandorle, nocciole, arachidi (* ok), pistacchi, etc. Per questo le barrette della enervit sono ottime

E della majonese ricordo le uova

E della alimentazione ricordo cose.

In Germania mi stupisce dei tedeschi il loro mangiare senza pane. Sono un italiano, è evidente.

Di Würsteln ce ne sono di tutti i tipi, e anche questa è una cosa da notarsi: la totale fiducia nel prossimo.

Sostanzialmente macinano la carne e la insaccano in piccole porzioni, e tutto questo va benissimo perché è pratico. E non è una moda degli anni consumistici. Ogni città ha la sua ricetta per le salsicce, non tutte le città effettivamente, ma spesso una ricetta prende il nome di una città tedesca (o austriaca, ok, il Wienwurst, per esempio).

Succede anche in grandi porzioni: uno stufato di carne mista macinata e poi affettata per essere messa nel mezzo di un panino viene offerta a 2 euro tutti i martedì dal supermercato Edeka.

Il pane, sì, per i pasti veloci è usato, ma un po’ un’americanata. Se hai un minimo di classe mangi la carne, e basta. E mangi poco. Casomai metti un contorno. Fine.

E sulla majonese. Ovviamente, è bandita dalla carne, sei strano se la chiedi ed è difficile che per strada abbiano il dispenser anche per quella. Ma di gente strana ce n’è, come il mio collega Sebastian, di origini russe (la usa come scusa per giustificarsi nel mettere la majonese, è tedesco in realtà).

E sui tedeschi di Ucraina, ovvero tedeschi della Bessarabia, ricordo questa cosa che cosomai qualcuno l’avesse letta nei libri di storia, spesso è sfuggita. Essi emigrarono dalla Germania durante il 1800, dal sudovest e dal nordest della Germania principalmente, e nella regione tra Ucraina, Romania e Moldavia si stabilirono come coltivatori.

Per una qualche ragione tornarono durante il Terzo Reich, 1940, forse perché quella regione fu invasa.

La Prussia, cioè la regione nord-orientale della Germania, corrisponde oggi per gran parte alla Polonia, che al tempo della seconda guerra era un territorio molto più piccolo. Sostanzialmente per aver perso la guerra, la Germania non fu divisa in 2, bensì in 3 parti, e una di queste parti appunto è l’ovest e il nord della Polonia (Prussia orientale).

E sulla Polonia ho questa cosa che mi viene in mente, cioè la lingua. Se il tedesco è complicato perché ci sono le declinazioni negli articoli dei sostantivi in base all’uso (nominativo, accusativo, dativo e genitivo), in polacco queste declinazioni sono anche nei sostantivi stessi, che variano le desinenze in base all’uso che ne viene fatto. Ci sono casi in cui questo fenomeno accade anche in tedesco, ma sono meno frequenti e piuttosto circoscritti (al genitivo sostanzialmente). Se apro wikipedia trovo che il polacco ha 7 casi: nominativo, genitivo, dativo, accusativo, strumentale, locativo e vocativo. Strumentale e locativo corrispondono al latino ablativo (come se poi questa cosa dovrebbe informarmi meglio … non conosco il latino, mai stato in lato)

E questo è tutto quello che posso dire riguardo la majonese e i tedeschi della Bessarabia.

Ma a proposito del ketchup, non sapendo nulla della sua storia, posso ben dire che è l’alimento più pericoloso del mondo, contiene più del 20% di zuccheri raffinati, ed veramente sconveniente questo pastruglio appiccicoso mieloso e acido.

E sulla senape il mio indirizzo è verso quella forte, che ti spacca il naso e ti apre in due o tre, a seconda delle fratture già presenti. Seppure sarebbe da preferire la dolce per il Weisswurst, e la forte per il Rindwurst perché ha un sapore più forte.

Il Rindwurst è spesso speziato, credo sia un’esigenza nata per soffocare il forte odore di bestiame della carne. È una cosa che lo rende particolarmente in sintonia con i gusti dei turchi, e anche con i miei. A volte bisogna essere daccordo sul mangiare. E del resto neanche il kebab non è così male.

E le bollicine, che sia birra, possono accompagnare solo.

Buon 20 Agosto a tutti.

 

ref.
https://it.wikipedia.org/wiki/Tedeschi_della_Bessarabia
https://de.wikipedia.org/wiki/Bessarabiendeutsche la versione tedesca è più completa, ma è in tedesco!
https://it.wikipedia.org/wiki/Minoranze_di_lingua_tedesca
https://it.wikipedia.org/wiki/Lingua_polacca
http://slideplayer.it/slide/9433093/ (come cambiano i confini polacchi)

Basta casino, qui dobbiamo divertirci

Che poi essere accostati a Salvini è triste.

Vengo da una famiglia agiata, cioè da una famiglia con 4 figli da far crescere, 2 aziende da mandare avanti, 5 o 6 operaii da far campare, con un reddito familiare di 12 milioni dove tutto si mischia e si finisce sempre col far colazione con i biscotti scaduti e pranzo con il pane del giorno prima (mia madre avendo il forno vendeva il pane e non conveniva darlo indietro).

Certo agiata perché di imprenditori, ma non è vero niente. In realtà quello che è stato crescere lì è imparare che nella vita se vuoi un cambiamento devi farlo. Se vuoi migliorare la tua situazione devi farlo. E che se chiedi ad altri finisci per prenderti delle fregature memorabili.

Forse un po’ diffidente, questo lo trovo un difetto. Ma per il resto non trovo che l’atteggiamento sia sbagliato.

D’altra parte mi sono trovato sempre a disagio con gli amici, proprio per questo modo di ragionare. Non c’è mai stato un discorso ragionevole che si potesse portare avanti, mi sono sentito sempre un po’ alieno.

Riguardo la politica ricordo i commenti di babbo e zio di fronte a “tribuna politica” quando parlava Fini, molto giovane e non a capo del suo MSI. Mio padre disse “eh però, come discorsi sono piuttosto giusti, parla bene”, mio zio: “sì però non fa un cazzo come tutti l’altri”, “e allora a chi voti?”, e mio zio: “a stocazzo”. Non si è mai capito chi votasse mio zio effettivamente, su alcune cose era veramente snervante.

Sì, è vero. Votare è una cazzata. È come ammettere che si possa chiedere ad altri di cambiare la propria situazione, e questo è in contraddizione con l’atteggiamento che abbiamo assorbito in famiglia.

Quindi sebbene Salvini faccia discorsi sensati, lo fa per avere consenso, e sedersi in Parlamento a fare quello che ha fatto finora. Nulla. Del resto qualsiasi discorso si limita al “non va bene …” e sostituisce ai puntini qualsiasi cosa che sembra ingiusta, e spesso lo è.

D’altra parte, sì, quella del “salviamo tutti gli uomini in mare”, la proposta si limita a “non va bene che la gente soffra”. Senza considerare che se la gente ci marcia su questo, consapevolmente o meno. Si finisce per autoconvincersi che sia il mondo ad essere avverso, senza considerare che spesso la stessa situazione è superata dai più senza fare grandi tragedie, e senza fare gesti inconsulti.

Tutti abbiamo problemi, andiamo a sbattere contro un’auto che ci viene addosso, tutti dobbiamo combattere con chi pretendere di avere ragione quando ha evidentemente torto, tutti.

Eppure a volte assumiamo atteggiamenti del tipo “non va bene che sia così”, e a volte invece accettiamo la sfida e non lo facciamo essere così.

Cioè, insomma, indignarsi è una cazzata. È un atteggiamento fine a se stesso, è la pretesa di far pena ed essere coccolato per le proprie ragioni. È come chiamare la mamma, raccontare cosa è successo e chiedere “chi è che ha ragione?”, e prendersi 2 schiaffi a testa, con infine il commento “smettetela di litigare”.

Ecco, in conclusione alla riflessione vorrei che mi resti questa immagine ogni volta che mi indigno: un paio di schiaffi.

Ed ogni volta che leggo qualche ragionamento di un indignato e provo a seguirlo, di nuovo: un paio di schiaffi.

E non s’ha mica tempo per questi piagnistei, dobbiamo divertirci.

P.S.: Molti sono incoscienti e si indignano, i politici non lo sono e ci giocano sopra. Per dire, Matteo Salvini è sempre pronto a fare sue battaglie di giustizia sociale dove di mezzo ci sono gli immigrati, a dichiarare di appoggiare Casapound, e a simulare atti violenti che in prima persona evita sempre di fare. Lui è sempre innocente, ma fa nascere nell’immaginario di chi lo segue l’idea della lotta, del poter minacciare qualcosa. In realtà, dopo le solite parole “armiamoci e partite”, è al bar a prendersi un caffé con l’avversario politico o anche con l’immigrato irregolare che lavora in casa a mettergli a posto il giardino. È tutto ok. Perfettamente italiano. Il post era su Salvini, e così mi viene in mente lui, ma la cosa è applicabile a tutti. “ma non fa un cazzo come l’altri”.

Sono il figlio del Re. Fanculo.

Che diritto hai tu di vivere qui e per quale merito?

Ho diritto perché ci sono nato, e il merito nessuno.

Esistono diritti di nascita, facciamo finta che non sia vero solo per vivere nelle favole, ma esistono.

Ed esistono soprattutto nelle favole, per dirla tutta, ma questa è un’altra storia.

Quello che hai, la storia attorno, le condizioni della tua città, i rapporti, le conoscenze, l’idea che hai dei tuoi diritti, il tuo modo di comportarti, come saluti, quando ritieni di poterti arrabbiare, tutto. Tutto questo fa parte della tua cultura, fa parte di ciò che è cresciuto con le generazioni precedenti, ed esistono diverse culture.

Esistono diversi modi di regolare i rapporti umani, e diversi usi e costumi. Non sono tutti compatibili.

Se sono migliori o sono peggiori è spesso difficile da dirsi. Ma evidentemente esistono.

Non si possono tagliare fuori questi argomenti dalle discussioni e pensare che si vive comunque.

I vecchi modi di dire erano “se c’è spazio per 10 c’è spazio anche per 11, e se ce n’è per 11, ce n’è anche per 12”, ma davano per assunto che chi arrivava non veniva dall’altra parte del pianeta con i suoi usi e le sue esigenze.

Qui c’è spazio per tutti, ma il “qui” è un concetto molto ampio.

Non c’è bisogno di azzuffarsi per entrare in questo Paese e voler stare tutti qui, un pezzettino di marciapiede ad ognuno, oppure in UK che sia.

Per quale motivo i sogni sono omologati?

Perché si è di un Paese povero, e si sogna la vita agiata dall’altra parte? Omettendo ovviamente tutte le contingenze e le regole che sarebbe necessario rispettare. Nei sogni, sì nei sogni.

Finiamo sempre col pensare che chi è povero è un incapace, limitato, che ha bisogno di aiuto, e se qualcuno mette in discussione questa cosa allora è razzista. E perché non dovrebbe essere il contrario? Perché il razzista non dovrebbe essere quello che assume, presume (cioè ha dei pregiudizi) riguardo alle ridotte capacità degli immigrati?

E quando hai capacità pari a quelle degli altri, puoi certo essere in uno stato di necessità e chiedere aiuto, ma non certo identificarti in un gruppo di persone che hanno bisogno di aiuti, una cultura a parte, che ha bisogno di essere integrata.

Se è questo che pensi, c’è posto per tutti, ma da un’altra parte.

Si è liberi di viaggiare, e questa libertà è sacrosanta. Se non ti trovi bene nella tua situazione, nella tua cultura, vattene.

Se la gente che ti circonda non ti somiglia, se credi che si può vivere meglio altrove, fallo.

Ma fallo rispettando le regole. Riusciresti, con le capacità, ad ottenere un buon lavoro in un qualsiasi Paese, più o meno sviluppato. Con le capacità. E se non le hai c’è poco da fare: non è il mondo ad essere sbagliato, ma tu a non saperti adattare.

D’altra parte quale è la proposta, quella oltre la protesta? In realtà non esiste, ma supponiamo esista, si parlerebbe di “dare la possibilità a tutti di essere nati qui”, e come si potrebbe fare?

Immaginiamo un mondo dove un ragazzo di 13 anni ha consapevolezza del posto disgraziato dove è nato e non accetti questo fatto. Gli dobbiamo dare la possibilità di essere nato da un’altra parte, da un’altra donna. E così si trasferisce a casa di Joseph e Annie, una coppia olandese che ha un solo figlio, ma potrebbe benissimo averne due, per quanto se ne può sapere, come sarebbe andata se ne fosse arrivato un altro? Eggià. È così, è un diritto del resto.

Ovviamente ci sono cose che naturalmente accadono e non esistono normative affinché queste non accadano. Non sono né giuste né sbagliate. Se le vogliamo chiamare sfortuna o fortuna facciamolo. Ma cosa cambia?

Ed è come nell’introdurre una novità in un software. Se provi a non accettare l’esistente e pretendere che tutto sia rinnovato di colpo, il software muore, la clientela se ne va, e nessuno finanzia il cambiamento. L’esistente va accettato.

Si può poi tracciare una strada per il cambiamento, e percorrerla.

Altro che gridare “razzisti”. Facile. Oppure dire “invasione”. Altrettanto facile. Invece decidere quale è la direzione, e giorno per giorno percorrerla, senza lode e senza infamia, senza essere eroi ma lavorando a piccoli passi, di questo non si è capaci più. In un’epoca in cui basta un click, ed ora un tap, perché dovremmo fare piccoli passi, controllare e aspettare, e riconoscere d’esserci sbagliati, … e tutto, insomma?

No, molto più facile urlare frasi fatte. O sei con me, o sei contro. O con Salvini, o con il medico squattrinato che salva il mondo.

Mai un ragionamento, mai una riflessione fuori dalla viuzza stretta dell’idiozia su binario unico (e un treno contro l’altro).

Ditemi che differenza passa tra il rifiutare la realtà puntando il dito verso un fumoso “sistema”, e il girarsi dall’altra parte e fare finta di niente.

Di quanto siete sicuri che i vostri sogni non siano gli stessi di chi non si unisce al coro da tifoseria?

“””
…e scrive sui muri NOI SIAMO TUTTI UGUALI ma prega nel buio “La sorte del più debole non tocchi mai a me”
“””
cit. L’uomo sogna di volare. Negrita.

 

Giornataccia, eh??

No. All’estero non ti incazzi. All’estero accetti le regole e fai quello che ti dicono di fare. Non discuti. Non ti metti a contestare qualsiasi cosa. E non vuoi la pillola indorata, vuoi sapere l’esatta dimensione della supposta, perché puoi decidere di accettare o meno, con coscienza.
Ma è diverso.
Perché lì le regole ci sono e sono rispettate, e non succede che qualcuno non rispetti i tuoi diritti dopo che gli hai citato l’articolo che ne parla, no, non ti chiudono il telefono in faccia.
 
E questo è un effetto a catena. È per tutto così. Qui tutto è un’incognita. Ognuno fa quello che vuole. E nessuno può fare affidamento su nessuno.
 
Il lavoro è pagato poco? Ma come si può fare affidamento su una persona assunta? Se poi non è diligente? (Presunzione d’indolenza.)
 
Semplicemente non funziona. Inutile parlare della buona fede e dello scommettere su questo Paese. Sono soldi persi.
 
E se poi pensi che sta andando, che hai risolto qualcosa, non è vero niente. È solo un compromesso, è solo una pezza che hai messo per tirare avanti, fra 2 mesi si ripresenta qualche altro problema e se di nuovo al punto precedente.
 
Gli imprenditori se ne vanno. I lavoratori qualificati se ne vanno. Rimangono gli immigrati, talmente abituati alla corruzione dalla quale provengono, che questo è il paradiso a confronto. Benvenuti, ma no, non è il paradiso, è solo un gradino più su, è solo tirare fuori la testa dal letame nel quale stiamo affogando. Si sopravvive e non si affoga.
 
Davvero, quanto manca che per avere un certificato devi corrompere il funzionario? E che se vuoi passare prima in un concorso devi pagare qualcuno? Ci manca qualcosa per essere Africa.
 
E no, non ci piace l’Europa, ma siamo africani, africani con la spocchia di essere meglio. Corrotti peggio del peggio. La mafia è solo una filiale di tutto il sistema, semplicemente usa metodi più violenti, ma la corruttela è la stessa, o forse addirittura minore. Ed è tipica la replica dei mafiosi: “cosa vuol dire non ammazzare se sei un uomo di merda? se non mantieni la parola sei peggio di un cane rabbioso, e come cane rabbioso vai ammazzato”
 
E non è colpa del caldo. È la stessa merda anche d’inverno.